Il falso dilemma del rischio post-vaccinazione

Categoria: Coronavirus
Pubblicato: Lunedì, 01 Marzo 2021 16:35
Scritto da Ryder Italia Onlus
Visite: 208

Con il progredire delle vaccinazioni le persone che risultano immunizzate in gran parte non sanno esattamente come comportarsi nei prossimi mesi . In questo articolo vengono date alcuni suggerimenti.

 Non sapremo mai con certezza quanto siano contagiose le persone dopo essere state vaccinate, per ora sappiamo solo come dovrebbero comportarsi.

  JAMES HAMBLIN  26 FEBBRAIO 2021 The Atlantic

 

 Ogni giorno, più di 1 milione di americani vengono vaccinati.  La conseguente risposta immunitaria si è dimostrata estremamente efficace, essenzialmente ottima, nel prevenire casi gravi di COVID-19.  E ora, con un altro vaccino altamente efficace sul punto di essere approvato, questa tendenza dovrebbe accelerare ulteriormente nelle settimane a venire.

 Questa campagna di vaccinazione sta creando una grande quantità di persone che non hanno più bisogno di temere di ammalarsi e che non vedono l’ora di tornare alla vita "normale".  Eppure il messaggio che potrebbero ancora diffondere la malattia - e quindi se è davvero sicuro per loro riprendere le loro vite senza maschere e distanziamento sociale è- tuttora ambiguo.

 Anthony Fauci ha detto la scorsa settimana alla CNN che "è concepibile, forse probabile", che le persone vaccinate possano essere infettate dal coronavirus e poi diffonderlo a qualcun altro, e che si saprà di più su questa probabilità "tra un po’ 'di tempo, dopo aver fatto alcuni studi di follow-up. "

 La direttrice del CDC Rochelle Walensky non era stata più precisa su Meet the Press pochi giorni prima, dove aveva detto: "Non abbiamo ancora molti dati per rispondere esattamente a questa domanda ".

  A questo punto della pandemia, con la possibile liberazione in futuro per così tante persone, la vaghezza può giustamente essere esasperante.  Da un anno il messaggio di salute pubblica è aspettare.  Per prima cosa abbiamo aspettato che fosse sicuro uscire.  Quindi abbiamo aspettato che i vaccini venissero sviluppati, testati e approvati.  Adesso si chiede alle persone di aspettare il proprio turno per farsi vaccinare; quindi attendere ancora qualche settimana fino a quando non hanno ricevuto la seconda dose; e poi altre due settimane per assicurarci che le loro risposte immunitarie siano state pienamente attivate. E infine, quando tutta l'attesa è finita, dovremmo aspettare "un po’di tempo" in più?

 

Gli esperti che esortano alla pazienza, ovviamente, hanno ragione.  Ci sono una miriade di dettagli sulla fisiologia e sull'immunologia molecolare che devono ancora essere compresi e non sappiamo quanto velocemente i tassi di trasmissione diminuiranno man mano che un gran numero di persone verrà vaccinato.  A livello individuale, tuttavia, il giusto consiglio su ciò che costituisce un comportamento sicuro non dipende da nessuno studio scientifico i cui risultati sono ancora da arrivare.  Dipende da cosa sta succedendo nel mondo che ci circonda.

 Come ormai avrete sentito fino alla nausea, i vaccini SARS-CoV-2 sono stati sviluppati a velocità record.  Sono stati creati nella foga di un'emergenza, mentre migliaia di persone morivano ogni giorno, come un modo per fermare la carneficina.  Si stanno dimostrando straordinariamente efficaci in questo.

  Non ci si aspettava che i vaccini bloccassero del tutto l'infezione del virus, spiega Stephen Thomas, capo della divisione malattie infettive presso SUNY Upstate e ricercatore principale coordinatore per la sperimentazione clinica sul vaccino di fase 3 Pfizer-BioNTech.  "Non credo che sia fattibile o plausibile", mi ha detto.  La maggior parte dei vaccini agisce addestrando il corpo a prevenire la replicazione di un virus a tal punto da impedire che una persona si ammali.  In genere non impediscono a una persona di essere infettata; semplicemente rendono l'infezione meno grave e consentono al corpo di eliminarla più rapidamente.

 Se un vaccino potesse prevenire in modo affidabile le future infezioni prendendo piede, fornirebbe quella che è nota come "immunità sterilizzante", mi ha detto Syra Madad, epidemiologa presso gli ospedali NYC Health +.  Questo è un evento raro.  Il vaccino contro il morbillo viene spesso citato come un'eccezione, ma lei afferma che non c'è motivo di aspettarsi che i vaccini COVID-19 rientrino in questa rara categoria.

  In effetti, non esiste un meccanismo ovvio.  "Generare l'immunità sterilizzante in uno organo mucoso (vie respiratorie) utilizzando un vaccino iniettato nel muscolo è estremamente difficile", mi ha detto Angela Rasmussen, virologa della Georgetown University.  Ha detto che le prime prove sui macachi rhesus hanno suggerito che il vaccino AstraZeneca potrebbe fornire una protezione sterilizzante, ma solo se somministrato come spray nasale.  Altri ricercatori hanno iniziato a lavorare su vaccini somministrati per via nasale che potrebbero teoricamente servire a rivestire le nostre mucose con armature antivirali, sebbene non vi sia certezza che questo approccio sarebbe efficace nel prevenire malattie gravi.

 Quindi è lecito ritenere che l'attuale lotto di vaccini COVID-19 non fermerà completamente la trasmissione virale.  Ma è anche lecito ritenere che ridurranno tale trasmissione in una certa misura, perché impediscono la replicazione virale.  "È altamente plausibile che un vaccino che prevenga la malattia riducendo la quantità di virus in una persona potrebbe anche ridurre la capacità di quella persona di infettare gli altri attraverso lo stesso meccanismo", ha detto Thomas.  La parte difficile è determinare il grado in cui ciò accade.

 Nessuno studio clinico definitivo può darti questa sicurezza", ha detto Rasmussen.  Gli studi erano stati progettati per la velocità e la sicurezza, quindi i ricercatori erano più interessati alla ricerca di un vaccino COVID-19 sintomatico o reazioni avverse, non alle infezioni asintomatiche.  Per sapere con quale frequenza le persone vaccinate trasportavano il virus in modo asintomatico, i ricercatori avrebbero dovuto testare ciascuna delle decine di migliaia di persone nei loro studi clinici il più frequentemente possibile.

  Alcuni studi in corso hanno iniziato a fare un tampone occasionalmente nel naso delle persone vaccinate, e questo potrebbe aggiungere informazioni su quanto sia comune per le persone vaccinate trasportare il virus dopo la vaccinazione.  Le prime prove della sperimentazione clinica di Johnson & Johnson, ad esempio, suggeriscono una significativa riduzione della trasmissione dopo la vaccinazione, sebbene ciò rimanga da verificare.  Tuttavia, i test occasionali sono destinati a non rilevare i casi di infezione e la ricerca di virus in alcuni pazienti non ci dice quanto possano essere contagiosi i proprietari di quei nasi o se sono contagiosi.

  L'unico modo per rispondere con certezza a questa domanda sarebbe eseguire una prova di "sfida" in cui persone vaccinate e non vaccinate sono state deliberatamente esposte al virus in condizioni simili, e quindi testate per vedere quale percentuale di loro è stata infettata.  Questo è solo il primo passo.  Quindi le persone vaccinate ma infette avrebbero bisogno di uscire con un gruppo di persone non vaccinate per vedere se sono state infettate e con quale velocità.  Non succederà.  Le prove di sfida sono campi minati etici in tempi normali; a questo punto, qualsiasi studio che implichi la sospensione di un vaccino da un gruppo di controllo sarebbe difficile da giustificare.

  Altri dati di prova sono attesi nei prossimi mesi e questi potrebbero aiutare a ridurre la nostra incertezza.  Sarebbe certamente utile capire meglio se il rischio di contrarre il COVID-19 da tua nonna, ad esempio, diminuisce di qualcosa come il 90% una volta che è stata vaccinata, o se è più vicino al 10%, ma quel numero per ora. non sarà esatto e non sarà nemmeno statico.  Anche se potessimo in qualche modo eseguire il tipo di prova descritta sopra, qualunque valore abbia prodotto potrebbe cambiare man mano che nuove varianti del virus prendono piede, e potrebbe variare tra le regioni con diversi modelli di infezione precedente, norme comportamentali, condizioni meteorologiche locali e altre variabili che non sappiamo nemmeno cercare.

 Tutto questo è accademico.  Qualunque sia il dato di prova che potrebbe arrivare nei prossimi mesi non cambierà il consiglio pratico: fintanto che un sacco di virus circola ancora in una comunità e molte persone rimangono non vaccinate, il semplice fatto che alcuni siano protetti non significa che possano a rinunciare alle precauzioni e fare quello che vogliono.

  Un diverso tipo di dati, tuttavia, offrirà tale rassicurazione e certezza.  Questo è ciò che stiamo davvero aspettando.  "Arriveremo assolutamente a un punto in cui possiamo dire che le persone vaccinate non hanno bisogno di indossare maschere", ha detto Madad, ma ciò sarà guidato in gran parte dai cambiamenti nel numero di casi e nel tasso di vaccinazione.  Prima riusciamo a spingere il primo verso il basso e il secondo verso l'alto, prima ritorna la normalità.  Man mano che le popolazioni si avvicinano all'immunità di gregge, la possibilità che una persona vaccinata sia portatrice del virus e venga a stretto contatto con una persona non immunizzata diventerà così bassa che le linee guida cambieranno.  Ma finché il virus rimane onnipresente, il rischio di contrarre il virus (e di trasmetterlo) dopo essere stato vaccinato rimane troppo alto per essere tollerato.

 Questo messaggio non deve essere visto come pessimistico o ambiguo.  Ci dice molto chiaramente che la nostra vita sociale può riprendere, ma solo quando l'intera comunità è pronta.  La svolta non arriva per i singoli, uno per uno, appena vaccinati; arriva per tutti noi contemporaneamente, quando una popolazione diventa immune.  La rapidità con cui ciò si verifica dipende dall'affidabilità con cui questi vaccini riducono la trasmissione.  Ma sarà principalmente una funzione della velocità con cui le persone accedono ai vaccini, di quanta immunità esiste già in una popolazione e di quanta attenzione viene prestata alle misure preventive di base che non dovrebbero mai scomparire, come spazi di lavoro ben ventilati e malati responsabili.  Molto di questo è nelle nostre mani ora.  Non stiamo aspettando uno studio clinico; ci aspettiamo il rispetto   l'un l'altro.

 

 JAMES HAMBLIN, M.D., è uno scrittore presso The Atlantic.  È anche docente presso la Yale School of Public Health, co-conduttore di Social Distance,