Una incredibile storia di successo nel controllo della pandemia. Come ha fatto una piccola e povera nazione a riscontrare una sola morte per il coronavirus?

Il Bhutan, un regno buddista sull'Himalaya orientale, è celebre per i suoi monasteri, le fortezze (o dzong) e gli spettacolari panorami che vanno dalle pianure subtropicali alle ripide montagne e alle loro valli. Cime dell'Himalaya come il Jomolhari, alto 7326 m, sono una destinazione popolare per gli amanti del trekking

Madeline Drexler The Atlantic 10-02-2021

  Il 7 gennaio 2021, un uomo di 34 anni che era stato ricoverato in un ospedale nella capitale del Bhutan, Thimphu, con problemi preesistenti al fegato e ai reni è morto di COVID-19.  La sua è stata la prima morte nel Paese per il coronavirus.  Non il primo decesso quel giorno, quella settimana o quel mese: il primo vero decesso per coronavirus dall'inizio della pandemia nel 2019.

  Com'è possibile?  Da quando il nuovo coronavirus è stato identificato per la prima volta più di un anno fa, i sistemi sanitari nei paesi ricchi e poveri si sono avvicinati al collasso, le economie di tutto il mondo sono state devastate, milioni di vite sono andate perse.  In che modo il Bhutan, una piccola nazione povera meglio conosciuta per la sua politica, che bilancia lo sviluppo economico con la conservazione dell'ambiente e dei valori culturali, ha gestito un'impresa del genere?  E cosa possono imparare gli Stati Uniti o tanti altri paesi, che hanno gestito in modo così tragicamente sbagliato il loro approccio, dal successo di questo piccolo Paese?

  In effetti, molti paesi nel mondo dovrebbero imparare dalle controparti povere di risorse che hanno resistito meglio alla pandemia di coronavirus, anche se queste nazioni non hanno raggiunto le impressionanti statistiche del Bhutan?  Paesi come il Vietnam, che finora ha registrato solo 35 morti, il Ruanda, con 226, il Senegal, con 700, e molti altri hanno gestito la crisi molto più agevolmente di quanto non abbiano fatto l'Europa e il Nord America.

 Queste nazioni offrono molte lezioni che dovremmo imparare: dall'importanza di una leadership attenta, dalla necessità di garantire che le persone abbiano provviste e mezzi finanziari sufficienti per seguire la guida della salute pubblica e dalla comprensione condivisa che gli individui e le comunità devono sacrificarsi per proteggere il benessere generale: tutti elementi che sono stati gravemente carenti in molti paesi al mondo

  L'America ha "il miglior sistema di soccorso medico del mondo, abbiamo terapie intensive incredibili", mi ha detto Asaf Bitton, direttore esecutivo di Ariadne Labs, un centro di Boston per l'innovazione dei sistemi sanitari.  Ma, ha detto, abbiamo trascurato l'attenzione della salute pubblica sulla prevenzione, attenzione che ii paesi socialmente coesi a basso e medio reddito non hanno altra scelta che adottare, perché un'epidemia fuori controllo li travolgerebbe rapidamente.

 “La gente dice che il disastro del COVID in America è la conseguenza della negazione della scienza.  Ma ciò su cui non potevamo essere d'accordo è il patto sociale di cui avremmo bisogno per fare scelte dolorose condivise da tutti, per il bene collettivo ", ha aggiunto Bitton.  "Non so se, in questo momento, negli Stati Uniti, possiamo avere una discussione vera e costruttiva sul concetto di un bene comune.  Ma dobbiamo iniziare. "

 Nel corso di tre viaggi di reportage in Bhutan dal 2012, una parola che ho sentito innumerevoli volte è stata resilienza (in psicologia, la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà).

Alludeva al fatto che il Bhutan non è mai stato colonizzato ed alla capacità della sua gente di sopportare le difficoltà e fare sacrifici.  La resilienza, ho imparato, è fondamentale per l'identità nazionale.

 Ciò ha avuto importanza quando il coronavirus ha iniziato a diffondersi all'inizio dello scorso anno.  A quel tempo, il Bhutan sembrava un obiettivo maturo.  Aveva solo 337 medici per una popolazione di circa 760.000 - meno della metà del rapporto raccomandato tra medici e persone dall'Organizzazione mondiale della sanità - e solo uno di questi medici aveva una formazione avanzata in terapia intensiva.  Aveva appena 3.000 operatori sanitari e una macchina per PCR -La PCR (acronimo di reazione a catena della polimerasi) è un importante metodo di analisi per la diagnostica clinica. Per testare campioni virali-.  Il Bhutan era sulla lista delle Nazioni Unite come uno dei paesi meno sviluppati, con un PIL (prodotto interno lordo) pro capite di $ 3.412.  E mentre la sua frontiera settentrionale con la Cina era stata chiusa per decenni, persiste un confine poroso di 435 miglia con l'India, che ora ha il secondo più alto numero di casi registrati al mondo e il quarto più alto numero di morti segnalate.

 Eppure, dalla prima nota di allarme, il Bhutan si è mosso rapidamente ed efficacemente, con una serie di azioni saldamente basate su dati scientifici.

  Il 31 dicembre 2019, la Cina ha segnalato per la prima volta all'OMS un'epidemia di polmonite di causa sconosciuta.  Entro l'11 gennaio, il Bhutan aveva iniziato a redigere il suo Piano nazionale di preparazione e risposta e il 15 gennaio ha iniziato lo screening per i sintomi di disturbi respiratori e utilizzava la scansione della febbre con termometri a infrarossi nel suo aeroporto internazionale e in altri punti di accesso del paese.

 Intorno alla mezzanotte del 6 marzo, il Bhutan ha confermato il suo primo caso di COVID-19: un turista americano di 76 anni.  Sei ore e 18 minuti dopo, circa 300 possibili contatti e contatti di contatti erano stati rintracciati e messi in quarantena.  "Deve essere stato un record", ha detto con evidente orgoglio il ministro della Salute Dechen Wangmo, un epidemiologo educato a Yale,  Trasportato in aereo negli Stati Uniti, il paziente avrebbe dovuto morire, ma è sopravvissuto.  Secondo un resoconto del Washington Post, i suoi medici nel Maryland gli dissero: "Qualunque cosa abbiano provato in Bhutan probabilmente ti ha salvato la vita".

  A marzo, anche il governo bhutanese ha iniziato a pubblicare aggiornamenti quotidiani chiari e concisi e a condividere con la popolazione i numeri di assistenza telefonica.  Ha vietato l’ingresso ai turisti, chiuso scuole e istituzioni pubbliche, chiuso palestre e cinema, iniziato orari di lavoro flessibili e implacabilmente imposto maschere per il viso, igiene delle mani e allontanamento fisico.  L'11 marzo, l'OMS ha ritenuto tardivamente l’infezione da COVID-19 una pandemia.  Cinque giorni dopo, il Bhutan ha istituito la quarantena obbligatoria per tutti i bhutanesi con possibile esposizione al virus - comprese le migliaia di espatriati che si sono imbarcati su aerei noleggiati per tornare in patria - e ha sottoscritto ogni aspetto, come vitto e alloggio gratuiti in hotel di livello turistico.  Ha isolato tutti i casi positivi, anche quelli che erano asintomatici, nelle strutture mediche, in modo che i primi sintomi potessero essere trattati immediatamente e ha fornito consulenza psicologica a coloro che erano in quarantena ed in isolamento.

 Il Bhutan è poi andato oltre.  Alla fine di marzo, i funzionari sanitari hanno esteso la quarantena obbligatoria da 14 a 21 giorni, un'intera settimana in più rispetto a quanto raccomandato (e tuttora) dall'OMS.  La logica: una quarantena di 14 giorni lascia circa l'11% di possibilità che, dopo essere stata rilasciata, una persona possa ancora incubare l'infezione e alla fine diventare contagiosa.  L'ampio regime di test del Bhutan per le persone in quarantena, ha aggiunto Wangmo in una conferenza stampa, era "un gold standard".

  Mentre il presidente Donald Trump inveiva contro la sorveglianza del coronavirus, il Bhutan ha lanciato un enorme programma di test e tracciamento e ha creato un'app di tracciamento dei contatti.  Lo scorso autunno, il ministero della salute ha lanciato un'iniziativa di prevenzione chiamata "Il nostro Gyenkhu" - "La nostra responsabilità" - con influencer come attori, artisti televisivi, blogger e personalità dello sport.  Quando, in agosto, una donna di 27 anni è diventata la prima bhutanese nel paese a risultare positiva al test per COVID-19 al di fuori della quarantena, è seguito un blocco nazionale di tre settimane, con il governo che ha intensificato test e rintracciamenti ancora di più, e consegnando cibo, medicine e altri beni essenziali a ogni famiglia del paese.  A dicembre, quando una clinica antinfluenzale a Thimphu ha rilevato il primo caso di trasmissione comunitaria dopo l’estate, la nazione è entrata di nuovo in un blocco rigoroso e ancora una volta è prevalsa una campagna a tutto gas contro il virus, che per il momento è stato quasi estinto.

  In tandem con questa rigorosa risposta della salute pubblica sono arrivate ondate di supporto civico da ogni livello della società.  Ad aprile, il re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck ha lanciato un fondo di soccorso che finora ha distribuito 19 milioni di dollari in assistenza finanziaria a più di 34.000 bhutanesi i cui mezzi di sussistenza sono stati danneggiati dalla pandemia, un programma esteso almeno fino alla fine di marzo.  Il governo ha creato un registro nazionale per i cittadini vulnerabili e ha inviato pacchetti sanitari contenenti disinfettante per le mani, vitamine e altri articoli a più di 51.000 bhutanesi di età superiore ai 60 anni. La Regina Madre ha rivolto un discorso franco alla nazione, invitando le autorità per garantire servizi per la salute sessuale e riproduttiva, assistenza sanitaria materna, neonatale e infantile e servizi per la violenza di genere, che considerava "essenziale".  Migliaia di persone si sono iscritte per lasciare le loro case e famiglie per lunghi periodi di tempo per unirsi al corpo nazionale di volontari in divisa arancione noto come DeSuung.  La comunità monastica del Bhutan - molto influente in una cultura buddista e ancora ampiamente tradizionale - non solo ha rafforzato in modo mirato i messaggi di salute pubblica, ma ha anche pregato quotidianamente per il benessere di tutte le persone durante la crisi, non solo dei bhutanesi.

 

 I funzionari governativi hanno condiviso lo stesso altruismo.  Durante la chiusura estiva del paese, Wangmo, il ministro della salute, ha dormito per settimane nelle strutture del ministero, lontano dal suo giovane figlio.  Il primo ministro Lotay Tshering, un medico molto rispettato che ha continuato a eseguire interventi chirurgici il sabato durante la maggior parte della crisi, ha dormito ogni notte durante la chiusura su di un sedile vicino al finestrino nel suo ufficio: una foto sul giornale The Bhutanese mostrava le coperte sgualcite del suo letto un asse da stiro in piedi nelle vicinanze.  I membri del Parlamento hanno rinunciato allo stipendio di un mese per lo sforzo di risposta; gli albergatori hanno offerto le loro strutture per la quarantena gratuite; gli agricoltori hanno donato i raccolti.  Quando le luci negli uffici del Ministero della Salute si sono accese per tutta la notte, la gente del posto ha portato al tè al latte caldo e ema datshi (piatto nazionale) fatto in casa, a base di peperoncini e formaggio bollenti.

  "Mi sono lamentato della" sindrome della piccola società "e di quanto possa essere soffocante.  Ma credo che sia proprio questa vicinanza che ci ha tenuti insieme”, mi ha detto Namgay Zam, un importante giornalista del Bhutan.  "Non credo che nessun altro paese possa dire che i leader e la gente comune godono di una tale fiducia reciproca.  Questa è la ragione principale del successo del Bhutan ".

  Mentre il Bhutan potrebbe essere culturalmente unico, la sua esperienza offre diverse lezioni per le nazioni ricche.

  In primo luogo, spero che tu possa essere fortunato se i leader del tuo paese sono completamente coinvolti.  Il Bhutan aveva ricevuto istruzioni affidabili, intelligenti e pratiche dal suo re, la cui autorità morale ha un grande peso.  Ha detto esplicitamente ai leader del governo che anche una sola morte per COVID-19 sarebbe stata troppo per una piccola nazione che si considera una famiglia, ha sollecitato i funzionari per piani dettagliati che coprissero ogni possibile scenario di pandemia e fatto più viaggi in prima linea, incoraggiando la salute i lavoratori, i volontari e altri.  Il suo ruolo cruciale ha anche sviato qualsiasi gioco politico; in Bhutan, l'opposizione in Parlamento ha unito le forze con il partito al governo.

  In secondo luogo, investire nella preparazione.  Il Bhutan ha istituito un centro operativo di emergenza sanitaria e un centro operativo di emergenza dell'OMS nel 2018 e aveva anche investito in tende per kit da campo medico, inizialmente pensando che sarebbero state dispiegate nelle zone di soccorso in caso di calamità; le tende sono state riproposte per isolare e curare pazienti con sintomi respiratori.  Nel 2019, il paese ha aggiornato il suo laboratorio del Royal Center for Disease Control, equipaggiandolo per gestire non solo nuovi e mortali virus influenzali all'orizzonte, ma anche SARS-CoV-2.  Preventivamente, nel novembre 2019, l'OMS e il ministero della salute del Bhutan hanno organizzato una simulazione all'aeroporto internazionale del paese.  Lo scenario: un passeggero in arrivo dall'estero con una sospetta infezione causata da un nuovo ceppo di coronavirus.  Tutte queste misure riflettono ciò che Bitton vede come un'autocoscienza dinamica a livello di sistema.  “Potresti chiamarla umiltà; potresti chiamarla curiosità”, ha detto.  "È da questa l'idea, wow, abbiamo molto da imparare."

  Terzo, agire in fretta e guadagnare tempo.  "I paesi che hanno risposto presto e prima che il virus si radicasse, in particolare prima che arrivasse alle popolazioni vulnerabili, sembrano aver fatto tutti meglio", mi ha detto Jennifer Nuzzo, uno studioso senior del Johns Hopkins Center for Health Security.  Il sistema di assistenza primaria basato sulla comunità del Bhutan aveva seminato il concetto di prevenzione, e la sua assistenza sanitaria universale gratuita e i suoi test significavano che la logistica e le catene di approvvigionamento erano già in atto.

  Quarto, attingere ai punti di forza esistenti.  Quando il Bhutan ha aggiunto altre cinque macchine per PCR al suo stock di test, rispetto a una sola, aveva bisogno di persone per raccogliere campioni sul campo e azionare i dispositivi.  Così ha spostato i tecnici dai programmi per la salute del bestiame e la sicurezza alimentare e ha formato gli studenti universitari.  Quando è diventato chiaro che un medico in terapia intensiva non era sufficiente, ha istruito altri medici e infermieri sulla gestione clinica delle infezioni respiratorie e sui protocolli dell'OMS.  "Questa è la lezione del Bhutan", mi ha detto Rui Paulo de Jesus, il suo rappresentante nazionale dell'OMS.  "Utilizza le risorse che hai."

  Infine, consentire alle persone di seguire effettivamente l'orientamento della sanità pubblica fornendo supporto economico e sociale a coloro che hanno bisogno di mettere in quarantena o isolarsi.  Nuzzo chiama questi "servizi avvolgenti".  Ma Tenzing Lamsang, giornalista investigativo ed editore di The Bhutanese, ritiene che il termine non renda giustizia ai più profondi impulsi politici del Bhutan.  "L'approccio del Bhutan come paese buddista, un paese che apprezza la felicità nazionale lorda, è diverso da un tipico approccio tecnocratico", mi ha detto, osservando che il suo piano pandemico copriva "tutti gli aspetti del benessere".

   Altri paesi illustrano molti di questi approcci.  Il Senegal ha agito in anticipo, bloccando gli arrivi internazionali e imponendo restrizioni ai viaggi regionali, imponendo il coprifuoco e la chiusura delle attività commerciali e avviando un programma di resilienza economica e sociale per compensare la perdita di reddito tra i poveri; dopo aver appena sfiorato l'epidemia di Ebola del 2014-2016 in Africa occidentale, ha anche rafforzato il personale per un centro operativo di emergenza e condotto esercitazioni fittizie.  Il Ruanda ha ricoperto il paese con test casuali e tracciamento dei contatti, facendo affidamento sulle stesse tecnologie di laboratorio utilizzate per il monitoraggio dei casi di HIV.  Il Vietnam ha dichiarato l’epidemia il 1 ° febbraio 2020 e ha schierato i suoi governi provinciali per rilevare rapidamente infezioni, chiudere attività non essenziali, imporre le distanze sociali e monitorare i valichi di frontiera.

  Ci sono certamente molti avvertimenti sull'idea di provare a replicare i valori del Bhutan o trapiantarne le strategie.  Come ha sottolineato Nuzzo, i sistemi politici variano in modo significativo e le ipotesi di una nazione potrebbero non prosperare su un paese diverso.  Inoltre, la trasmissione del coronavirus può avere svolte selvagge.  E fino a quando i bhutanesi non saranno vaccinati, il regno dovrà giocare un impeccabile gioco di contenimento.  "Come buddisti", rifletteva un editoriale di Kuensel a settembre, "apprendiamo che questa realtà cambia ogni momento".

  Per ora, tuttavia, il Bhutan ha contribuito a definire la resilienza alle pandemie.  "Quello che ho imparato dal Bhutan è che il settore sanitario da solo non può fare molto per proteggere la salute delle persone", mi ha detto de Jesus.  Lamsang fu d'accordo.  La resilienza pandemica, ha detto, deriva da "cose ​​che non contiamo normalmente, come il tuo capitale sociale e la volontà della società di unirsi per il bene comune".

 Si è tentati di liquidare il Bhutan o altri piccoli paesi comunitari come modelli irrilevanti per gli Stati Uniti.  A dire il vero, il Bhutan non è un paradiso.  Ha la sua quota di evasori di quarantena e cittadini anti-vaxxer, "denominati "covidioti", tutti debitamente richiamati sui social media.  E come ogni altra nazione, quando questa crisi sarà finita, dovrà fare i conti con problemi di vecchia data, questioni tra cui la disoccupazione giovanile e gli effetti del cambiamento climatico.

 

 Ma la sua vittoria, almeno finora, nel respingere il peggio della pandemia potrebbe dare al Bhutan la fiducia e la spinta di cui ha bisogno per affrontare queste altre sfide, e alle sue condizioni.  Dopo tutto, questo è un altro aspetto della resilienza: andare avanti quando la crisi sarà passata