Secondo alcuni recenti studi le persone che hanno avuto un’infezione da Covid dovrebbero assumere una singola dose di vaccino.

Molte persone che hanno contratto la infezione da coronavirus non sanno se devono comunque vaccinarsi. Ecco cosa dicono gli ultimi studi

 Articolo pubblicato sul New York Times Apoorva Mandavilli  19 febbraio 2021

Nuovi studi dimostrano che una sola iniezione di vaccino può aumentare notevolmente i livelli di anticorpi in coloro che si sono ripresi da una precedente infezione da coronavirus.

Quasi 30 milioni di persone negli Stati Uniti - e probabilmente molte altre In cui l’infezione non è mai stata diagnosticata - sono state finora infettate dal coronavirus.  Queste persone dovrebbero ancora essere vaccinate?  Due nuovi studi rispondono a questa domanda con un deciso sì. In effetti, la ricerca suggerisce che per queste persone una sola dose del vaccino è sufficiente per stimolare i loro anticorpi e distruggere il coronavirus e anche alcune varianti più infettive.  I risultati di questi nuovi studi sono coerenti con i risultati di altri due pubblicati nelle ultime settimane.  Nel complesso, la ricerca suggerisce che le persone che hanno avuto Covid-19 dovrebbero essere immunizzate, ma una singola dose del vaccino potrebbe essere sufficiente.  "Penso fortemente che le persone che erano state precedentemente infettate da Covid dovrebbero ricevere il vaccino", ha detto Jennifer Gommerman, immunologa dell'Università di Toronto che non era coinvolta nella nuova ricerca.  La risposta immunitaria di una persona a un'infezione naturale è molto variabile.  La maggior parte delle persone produce abbondanti quantità di anticorpi che persistono per molti mesi.  Ma alcune persone che avevano sintomi lievi o nessun sintomo di Covid-19 producono pochi anticorpi, che scendono rapidamente a livelli non rilevabili.

 I vaccini "hanno comunque il loro ruolo", ha detto il dottor Gommerman, in modo che chiunque si sia ripreso dal Covid-19 possa ancora produrre abbastanza anticorpi per proteggersi dal virus. L'ultimo studio, che non è stato ancora pubblicato su una rivista scientifica, ha analizzato campioni di sangue di persone che hanno avuto Covid-19.  I risultati hanno suggerito che il loro sistema immunitario avrebbe difficoltà a difendersi da B.1.351, la variante del coronavirus identificata per la prima volta in Sud Africa. Ma una iniezione del vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna ha cambiato significativamente il quadro: ha amplificato la quantità di anticorpi nel sangue di mille volte - "una spinta enorme, enorme", ha detto Andrew T. McGuire, un immunologo presso il Fred Hutchinson  Cancer Research Center di Seattle, che ha guidato lo studio.

  La iniezione di questi anticorpi, prelevati da campioni di tutti i partecipanti potrebbero neutralizzare non solo B.1.351, ma anche il coronavirus che ha causato l'epidemia di SARS nel 2003. In effetti, questi anticorpi sembravano funzionare meglio di quelli osservate nelle persone che non avevano avuto Covid e avevano ricevuto due dosi di un vaccino.  Diversi studi hanno suggerito che i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna sono circa cinque volte meno efficaci contro la variante. I ricercatori hanno ottenuto campioni di sangue da 10 volontari nel Seattle Covid Cohort Study che sono stati vaccinati mesi dopo aver contratto il coronavirus.  Sette dei partecipanti hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech e tre hanno ricevuto il vaccino Moderna.

 Il sangue prelevato circa due o tre settimane dopo la vaccinazione ha mostrato un aumento significativo della quantità di anticorpi rispetto ai campioni raccolti prima della vaccinazione.  I ricercatori non sanno ancora per quanto tempo persisterà la maggiore quantità di anticorpi, ma "si spera che dureranno a lungo", ha detto il dottor McGuire.  I ricercatori hanno anche visto un aumento delle cellule immunitarie che ricordano e combattono il virus, ha detto il dott. McGuire.  "Sembra abbastanza chiaro che stiamo aumentando la loro immunità preesistente", ha detto.  In un altro nuovo studio, i ricercatori della New York University hanno scoperto che una seconda dose del vaccino non ha aggiunto molto beneficio per le persone che hanno avuto Covid-19, un fenomeno che è stato osservato anche con vaccini per altri virus.

  In quello studio, la maggior parte delle persone era stata infettata dal coronavirus otto o nove mesi prima, ma aveva visto i propri anticorpi aumentare da cento a mille volte quando veniva somministrata la prima dose di un vaccino.  Dopo la seconda dose, tuttavia, i livelli di anticorpi non sono aumentati ulteriormente.  "È una vera testimonianza della forza della memoria immunologica che dopo una singola dose comporta un enorme aumento", ha detto il dottor Mark J. Mulligan, direttore del N.Y.U.  Langone Vaccine Center e l'autore principale dello studio. In alcune parti del mondo, inclusi gli Stati Uniti, una minoranza significativa della popolazione è già stata infettata, ha osservato il dottor Mulligan.  "Sicuramente dovrebbero essere vaccinati", ha detto.

  Non è chiaro se il picco di mille volte nei livelli di anticorpi registrato in laboratorio si verificherà in contesti reali.  Tuttavia, la ricerca mostra che una singola iniezione è sufficiente per aumentare i livelli di anticorpi in modo significativo, ha detto Florian Krammer, immunologo presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York.  Il dottor Krammer ha condotto un altro dei nuovi studi, che ha dimostrato che le persone che hanno avuto Covid-19 e hanno ricevuto una dose di un vaccino hanno sperimentatoalcuni effetti collaterali più gravi dovuti all’ inoculazione ma avevano più anticorpi rispetto a coloro che non erano stati infettati prima. "Se metti insieme tutti e quattro i documenti, si deducono informazioni abbastanza attendibili sul fatto che le persone che hanno già avuto un'infezione necessitano solo di una vaccinazione", ha detto il dottor Krammer.

  Lui e altri ricercatori stanno cercando di persuadere gli scienziati dei Centers for Disease Control and Prevention a raccomandare solo una dose per coloro che si sono ripresi dal Covid-19. Idealmente, queste persone dovrebbero essere monitorate dopo la prima iniezione nel caso in cui i loro livelli di anticorpi precipitassero dopo alcune settimane o mesi, ha detto Dennis R. Burton, immunologo presso lo Scripps Research Institute di La Jolla, in California. Il fatto che gli anticorpi osservati nel nuovo studio possano combattere il virus della SARS del 2003 suggerisce che una singola dose del vaccino potrebbe aver spinto l’organismo dei volontari a produrre "anticorpi ampiamente neutralizzanti" - molecole immunitarie in grado di attaccare un'ampia gamma di virus, ha detto il dottor Burton.

  Lui e altri scienziati hanno studiato per decenni se gli anticorpi neutralizzanti ricavati da pazienti infetti da HIV (virus della immunodeficienza umana) possono affrontare differenti versioni di questo virus.  poiché quest’ultimo muta più velocemente di qualsiasi altro virus ed elude rapidamente la maggior parte degli anticorpi. Il nuovo coronavirus muta molto più lentamente, ma ora ci sono più varianti del virus che sembrano essersi evolute per essere più contagiose o per contrastare il sistema immunitario.  Il nuovo studio potrebbe fornire indizi su come realizzare un singolo vaccino che stimoli la produzione di anticorpi ampiamente neutralizzanti che possono distruggere tutte le varianti del coronavirus, ha detto il dottor Burton.

  Senza un tale vaccino, gli scienziati dovranno modificare i vaccini ogni volta che il virus cambia in modo significativo.  "Si rimane bloccati in una sorta di approccio Whac-a-Mole- termine "utilizzato con riferimento a una situazione in cui i tentativi di risolvere un problema sono frammentari o superficiali, determinando solo miglioramenti temporanei o minori.  Probabilmente ci vorranno molti mesi, se non di più, per sviluppare e testare quel tipo di vaccino contro il coronavirus, ma "questo è il modo a lungo termine per avvicinarsi a questo virus".