Cosa hanno in comune la vaccinazione contro il Covid-19 e la morte di una donna accoltellata fuori dal suo appartamento di New York City?

Categoria: Coronavirus
Pubblicato: Venerdì, 05 Febbraio 2021 12:13
Scritto da Ryder Italia Onlus
Visite: 353

L'effetto testimone del vaccino Covid-19- Di CLAYTON KORSON 1 FEBBRAIO 2021- Articolo pubblicato su STAT

In ogni paese esiste sempre un certo numero di persone che scelgono di non farsi vaccinare. Questo atteggiamento diventa pericoloso quando ad assumerlo sono coloro che lavorano in ambito sanitario. Spesso costoro non riescono ad immaginare le conseguenze del loro atto pensando che rappresenti una semplice scelta individuale. La realtà è molto diversa! 

L'effetto spettatore, definito anche apatia dello spettatore o effetto testimone (in inglese bystander effect), è un fenomeno della psicologia sociale che si riferisce ai casi in cui gli individui non offrono alcun aiuto a una persona in difficoltà in una situazione d'emergenza, quando sono presenti anche altre persone. 

Il concetto dell'effetto testimone è emerso dopo che una donna Catherine "Kitty" Genovese è stata pugnalata a morte nel 1964. Secondo la stampa dell’epoca, nessuno dei suoi vicini è venuto in suo aiuto nonostante fossero consapevoli di ciò che stava accadendo. Sebbene la realtà sia stata successivamente ridimensionata, questo episodio ha dato origine alla teoria dell'effetto testimone, secondo la quale un individuo che vede qualcuno in pericolo ha meno probabilità di aiutare la vittima quando ci sono altre persone in giro. In sostanza, si pensa che qualcun altro si prenderà cura della vittima; non è un problema dell'individuo che osserva. Naturalmente, quando tutti pensano questo, la vittima subisce la violenza senza ricevere aiuto.

Credo che stiamo vivendo un effetto spettatore a livello sociale e nazionale con le vaccinazioni per Covid-19.

Non mancano le ragioni per cui alcune persone "dubitano o rimandano la vaccinazione. Le ragioni includono preoccupazioni per una nuova tecnologia di vaccino (nonostante decenni di ricerche che hanno portato a questo), un procedimento accelerato (grazie alla riduzione di procedure burocratiche ridondanti allo scopo di salvare vite umane) e le crescenti ansie per effetti collaterali sconosciuti che potrebbero verificarsi di conseguenza del vaccino (estremamente raro nella storia dei vaccini).

 Tra gli operatori sanitari che stanno rifiutando la vaccinazione, due sono le ragioni principali perché pensano di essere a basso rischio di complicazioni da Covid-19 e preferiscono adottare un approccio attendista nella speranza di approfondire con il tempo i potenziali effetti collaterali. In altre parole, l '"individuo" – e/o le persone che esitano a farsi vaccinare - sono disposti ad aspettare, sperando che altri subentrino al posto loro. Nel frattempo, la "vittima" - il nostro paese - sta soffrendo per la peggiore emergenza sanitaria pubblica degli ultimi secoli.

 Marco Aurelio, uno dei più grandi pensatori della storia, ha affermato: "Si può anche commettere ingiustizia senza fare nulla".

 L’atteggiamento di rimandare o di rifiutarsi di essere una "cavia" è valido per chiunque, ma soprattutto per gli operatori sanitari, perché ha conseguenze non intenzionali, incluso un aumento delle ansie verso il vaccino nella popolazione.

Gli operatori sanitari devono rendersi conto, soprattutto ora, che hanno una sfera di influenza aumentata verso i loro cari, i colleghi e le comunità in generale. Per ogni operatore sanitario che esita a ricevere un vaccino, alcune persone nelle loro reti sociali diventano più scettiche di quanto non fossero già. Questo innesca un effetto domino sociale di aumento del dubbio verso la vaccinazione basato su paure infondate.

Le persone più colpite da questo sono le prossime che aspettano con grande attesa di vedere come il personale sanitario accetterà il vaccino.Credo che questo effetto si verifichi anche quando gli operatori sanitari ritardano la loro dose per ragioni ammirevoli, come i problemi di distribuzione. La conseguenza ultima di ciò è il prolungamento inutile della pandemia con perdita di vite prevenibile.

Non sto sostenendo la fiducia cieca qui verso quello che stiamo facendo. In effetti, sono empatico con le persone che sono titubanti o spaventate all'idea di ricevere uno dei nuovi vaccini. Io personalmente ho una storia remota di anafilassi, quindi credetemi quando dico che mi sentivo nervoso mentre andavo a prendere la mia prima dose di un vaccino Covid-19, pochi giorni dopo aver letto alcuni avvertimenti per chi ha una storia di allergie.

Eppure il giorno della mia nomina, ho pensato alle persone che hanno dedicato la loro vita a prepararsi per momenti come questo. Ho pensato a Jonas Salk, l'inventore del vaccino contro la poliomielite, che ha cambiato l'intero paradigma della medicina e delle malattie infettive come allora erano conosciute senza i decenni di dati a cui ci appoggiamo così comodamente ora. Ho pensato ad Anthony Fauci (immunologo), Paul Offit (pedriata ed inventore del vaccino contro il Rota virus), Peter Hotez (scienziato e pediatra), Michael Osterholm (epidemiologo americano) e innumerevoli altri che hanno riversato il loro cuore e la loro anima per darci una via d'uscita dal caos in cui ci siamo trovati. Mi fidavo di loro più di me stesso, anche se ho ricevuto quasi un decennio di istruzione in biochimica e medicina. Così sono andato avanti, di fronte alla mia paura e contro la mia naturale intuizione, e ora sono un fiero destinatario di entrambe le dosi di un vaccino Covid-19.

Il defunto vice ammiraglio James Stockdale, pilota di caccia amante della filosofia e prigioniero di guerra del Vietnam per otto anni, cita il pensatore stoico Epitteto e ci dice: “Tranquillità, coraggio e libertà. Puoi averli solo se sei onesto e ti prendi la responsabilità delle tue azioni. Devi capire che sei tu a comandare! "

Con questo in mente, invito coloro che lavorano nel settore sanitario a fidarsi delle migliaia di scienziati che hanno contribuito a rendere possibile questo vaccino. Sapere che stai dando l'esempio per le tue famiglie, i tuoi colleghi e le tue comunità. Per riassumere non c'è altra soluzione per porre fine alla pandemia che la vaccinazione diffusa. È necessario credere che, al massimo delle nostre attuali capacità, i vaccini siano stati rigorosamente controllati e che siano efficaci e sicuri.

Sii coraggioso. Prendi il vaccino.