Perché vaccinare tutti nel mondo potrebbe ancora non cancellare il covid-19

Articolo pubblicato il 23/01/2021 sul News Scientist Michael Le Page

  L'introduzione del VACCINO in un numero crescente di paesi dovrebbe alla fine consentire alla vita di tornare alla normalità, ma è improbabile che saremo in grado di sradicare del tutto il coronavirus che causa il covid-19.  "Non vedo che questi vaccini elimineranno la SARS-CoV-2 nei prossimi anni", afferma Kingston Mills del Trinity College di Dublino.

Nonostante le numerose varianti, il coronavirus muta meno di molti altri virus.  "Non sembra essere un virus mutabile come l'influenza", dice Mills.  Ciò significa che non dovremmo aver bisogno di aggiornare i vaccini ogni anno, anche se potrebbero essere necessarie modifiche occasionali. Nonostante questo, spazzare via il virus sarà davvero difficile anche se riusciremo a vaccinare la maggior parte delle persone.  Per fermare la diffusione di una malattia, le persone infette devono trasmetterla a meno di un'altra persona in media.

 All'inizio della pandemia, le persone infette ne infettavano in media circa altre tre, portando a stime che due persone su tre, o il 67%, devono essere immuni per interrompere la trasmissione.  Questo è ciò che intendiamo per immunità di gregge.Alcune persone ora pensano che il 70-90% della popolazione potrebbe dover essere immune per raggiungere questo obiettivo, specialmente con varianti più trasmissibili.  Questo obiettivo potrebbe essere difficile da raggiungere.  Alcuni vaccini covid-19 non raggiungono questo livello di efficacia quando si tratta di prevenire le malattie.

 Inoltre, non è ancora chiaro in che misura uno qualsiasi dei vaccini ora disponibili prevenga le infezioni trasmissibili, invece di limitarsi a prevenire i sintomi, sebbene questo sia ancora oggetto di indagine. Alcuni vaccini, come quello per la pertosse, prevengono i sintomi, ma non bloccano la trasmissione, afferma Mills.

Ciò significa che i virus - o batteri nel caso della pertosse - possono circolare in gran parte inosservati, spuntando solo quando si diffondono a persone non vaccinate e causano la malattia. In altre parole, anche vaccinare tutti sul pianeta potrebbe non essere sufficiente per fermare il coronavirus che circola a livelli bassi, ed è improbabile che ci avvicineremo a questo.

 In alcuni paesi molte persone dicono che rifiuteranno il vaccino, come la Francia, dove solo 4 persone su 10 lo vogliono.  È nessun vaccino è ancora approvato per le persone di età inferiore ai 16 anni, che costituiscono un quarto della popolazione mondiale. Tuttavia, non dobbiamo fare affidamento interamente sui vaccini per ottenere l'immunità di gregge.  Uno studio di Susan Hopkins della Public Health England e dei suoi colleghi suggerisce che l'infezione naturale con il coronavirus fornisce una protezione comparabile, riducendo il rischio di reinfezione dell'83% per almeno cinque mesi.

Anche se riuscissimo a sradicare il virus negli esseri umani, potrebbe nascondersi negli animali e tornare nelle persone in seguito.  SARS-CoV-2 può infettare molte altre specie, inclusi gatti, cani, furetti, pipistrelli, criceti, cervi e toporagni. "Penso che questo virus sia destinato a restare", dice Hopkins, il quale sottolinea che il virus del vaiolo è l'unico che siamo riusciti a debellare e che ci sono voluti molti anni dall'inizio della campagna per eliminarlo