Perché i bambini potrebbero essere la chiave per raggiungere l'immunità di gregge.

La maggior parte dei paesi risulteranno impegnati nel 2021 con il problema della vaccinazione nel tentativo di raggiungere il prima possibile la immunità di gregge. Esistono differenti opinioni su chi dovrà essere vaccinato per primo od in modo prioritario: gli anziani ?, il personale sanitario?, i lavoratori che non possono fare smart-working ?

Negli Stati Uniti ha preso piede la nuova ipotesi di vaccinare tra i primi anche i bambini.

I bambini raramente si ammalano gravemente a causa di COVID-19. Ma c'è un altro motivo per vaccinarli.

SARAH ZHANG 21 GENNAIO 2021 the Atlantic

Pochi giorni dopo Natale, Molly Hering, 14 anni, e suo fratello, Sam, 12 anni, hanno ricevuto la loro prima vaccinazione come parte delle sperimentazioni del vaccino Pfizer COVID-19 nei bambini. La loro mamma aveva sentito parlare di una sperimentazione clinica condotta al Cincinnati Children’s Hospital e Molly ha detto di avere accettato di unirsi perché voleva contribuire allo del sviluppo del vaccino.

Il padre di Molly e Sam è stato recentemente ricoverato in ospedale con COVID-19. (Si è ripreso.) Entrambi i ragazzi hanno trascorso la maggior parte del 2020 a occuparsi della scuola in Zoom con i suoi problemi tecnici. Molly è finalmente tornata di persona questo mese al nono anno di scuola , dove comunque sono necessarie maschere e allontanamento sociale. Come tutti gli altri, non vede l'ora che arrivi la fine della pandemia. "Finalmente potrò andare a scuola normalmente", ha detto.

Con i vaccini COVID-19 che si sono dimostrati sicuri ed efficaci nella maggior parte degli adulti, Pfizer e Moderna hanno entrambi avviato sperimentazioni negli Stati Uniti per bambini di età a partire da 12 anni. E se queste sperimentazioni procedono senza intoppi, i vaccini saranno testati su bambini sempre più piccoli. Questo è tipico per i nuovi vaccini: "Si chiama strategia di riduzione dell'età", mi ha detto Carol Kao, pediatra della Washington University di St. Louis.

Ci sono circa 70 milioni di bambini negli Stati Uniti, quasi un quarto della popolazione del paese. I bambini in generale non sono particolarmente vulnerabili al COVID-19; la maggior parte delle infezioni sono lievi o addirittura asintomatiche. In alcuni casi molto rari - meno dello 0,01% - i giovani pazienti possono sviluppare una complicanza chiamata sindrome infiammatoria multisistemica, o MIS-C, ma è generalmente abbastanza curabile in ospedale.

Vaccinare i bambini, in genere, spesso non riguarda solo i benefici diretti e immediati per loro. Ha anche lo scopo di proteggere i bambini da malattie che altrimenti diventerebbero più pericolose per loro da adulti - morbillo, parotite e varicella sono tre esempi comuni - e smorzare la diffusione generale di queste malattie. A breve termine, il motivo principale per vaccinare i bambini contro COVID-19 potrebbe servire a proteggere gli Stati Uniti se avranno difficoltà a raggiungere l'immunità di gregge.

I vaccini che funzionano negli adulti generalmente funzionano nei bambini. Ma i loro effetti possono differire, specialmente nei bambini molto piccoli. Nei neonati, ad esempio, gli anticorpi loro trasmessi nell'utero possono interferire con la protezione conferita dal vaccino contro il morbillo, motivo per cui tale vaccino non viene somministrato fino a quando i bambini non hanno 12-15 mesi. Una prima versione del vaccino contro lo pneumococco non funzionava bene nei bambini sotto i 2 anni, perché stimolava una parte del sistema immunitario che non era ancora matura.

Diversi fattori determinano l'età consigliata per una vaccinazione. "Ad esempio, quando è il picco di incidenza della malattia? Quando è più probabile che un bambino risponda al vaccino?", Dice Cody Meissner, un esperto di malattie infettive pediatriche alla Tufts University. Le risposte a queste domande potrebbero non essere allineate. Ad esempio, il vaccino per l'HPV il virus del papilloma umano (HPV, acronimo di Human Papilloma Virus queste infezioni sono estremamente diffuse nella popolazione e sono trasmesse prevalentemente per via sessuale ) viene somministrato a ragazzi e ragazze di appena 9 anni perché stimola una migliore risposta immunitaria nei preadolescenti rispetto agli adolescenti più grandi, anche se i preadolescenti hanno un minor bisogno della protezione fino a tarda età.

 Anche se i bambini raramente si ammalano gravemente a causa del COVID-19, il vaccino può proteggerli da una malattia che potrebbe essere ancora abbastanza grave da far loro perdere la scuola e diffonderlo ai loro genitori con conseguente perdita del lavoro, ha detto Jeff Gerber, un pediatra al Children's Hospital di Philadelphia . "Anche quelle malattie di breve durata possono accumularsi". Si sottolinea che il vaccino antinfluenzale è raccomandato per i bambini ed è stato riscontrato circa il numero di bambini morti di influenza nella scorsa stagione  è simile a quanti sono morti per COVID-19 fino ad oggi.

Ma l'argomento principale per vaccinare ampiamente i bambini è per ridurre la trasmissione di COVID-19. Sebbene le scuole non siano state fonte di grandi epidemie, molte sono passate all'apprendimento a distanza e la maggior parte di quelle che tenevano lezioni di persona richiedevano maschere e distanze. Se gli edifici scolastici riaprono senza queste precauzioni quest'anno, dopo che gli adulti sono stati vaccinati ma mentre i bambini sono ancora vulnerabili, essenzialmente ospiteranno raduni di massa di persone non vaccinate, dice Jason Newland, pediatra della Washington University. "Indovina chi finirà per averlo? Tutti i bambini", mi ha detto. "E quei bambini con determinate condizioni di base sono colpiti in modo sproporzionato." Inoltre, i bambini potrebbero portare COVID-19 a casa da scuola, anche senza saperlo. "I bambini potrebbero trasmetterlo alla nonna e al nonno. Possono trasmetterlo a un'altra persona cara che ha il diabete o l'obesità o ha una malattia renale cronica" e a chi non è ancora vaccinato, ha detto Newland.

Gli esperti di sanità pubblica pensano che se sono in atto precauzioni condivise , la trasmissione in questa comunità è bassa e se gli insegnanti e le persone ad alto rischio vengono vaccinati, la riapertura delle scuole nel 2021 può valere qualsiasi rischio residuo, date le molte e ad ampio raggio conseguenze del tenerle chiuse . Ma più bambini vengono vaccinati, più sicure e normali saranno le riaperture scolastiche.

 L'obiettivo finale della maggior parte delle campagne di vaccinazione non è solo proteggere le persone che ricevono i vaccini, ma prevenire la diffusione della malattia a coloro che non possono ottenerla, come i neonati e le persone a rischio di reazioni allergiche. Più il virus è trasmissibile - e sfortunatamente il COVID-19 sembra evolversi per essere più trasmissibile - più persone devono essere vaccinate per raggiungere l'immunità di gregge e fermare la sua diffusione attraverso la popolazione. Si stima che la soglia di immunità di gregge contro COVID-19 sia compresa tra il 60 e il 90% della popolazione. Poiché alcune persone non possono ottenere il vaccino e alcune potrebbero essere fermamente contrarie ad esso, gli Stati Uniti devono vaccinare il maggior numero di persone possibile. "Quello che vogliamo fare è ridurre il numero di persone che potrebbero essere contagiose per gli altri", mi ha detto Meissner. I bambini avranno quasi certamente bisogno di far parte di questo sforzo.

Una domanda ancora senza risposta sui vaccini COVID-19, tuttavia, è quanto bene proteggano dalla trasmissione asintomatica del virus. Quando le persone vaccinate sono esposte al virus, la risposta immunitaria del loro corpo ne riduce la replicazione, abbastanza da ridurre i sintomi del 95%, secondo i risultati degli studi Pfizer e Moderna per adulti. Ma una persona che viene vaccinata e poi esposta potrebbe comunque portare abbastanza virus da diffonderlo ad altri. Gli esperti ritengono che i vaccini riducano molto probabilmente il rischio di trasmissione asintomatica, ma sono necessari studi di follow-up per scoprire di quanto.

La rapidità con cui i vaccini saranno disponibili per i bambini dipenderà dalla durata delle sperimentazioni cliniche e del processo di revisione della FDA. Nello scenario più ottimistico, un vaccino potrebbe essere disponibile per un gran numero di bambini, soprattutto quelli più grandi, in tempo per l'inizio dell'anno scolastico in autunno. Ma la scorsa settimana, Operation Warp Speed ​​ha affermato che Moderna stava avendo problemi a reclutare un numero sufficiente di partecipanti alla sua sperimentazione per adolescenti, avendo arruolato solo 800 dei 3.000 previsti. L'amministratore delegato dell'azienda ha anche affermato che, sebbene Moderna inizierà presto le sperimentazioni per bambini di età compresa tra 1 e 11 anni, non si aspetta di avere risultati fino al 2022. Secondo quanto riferito, la sperimentazione sugli adolescenti di Pfizer ha terminato l'iscrizione alla sperimentazione, sebbene la società abbia rifiutato di specificare quando intende passare a bambini più piccoli.

La FDA ha accelerato i vaccini COVID-19 per adulti utilizzando un processo chiamato autorizzazione all'uso di emergenza. Ma il normale processo di approvazione del vaccino potrebbe essere più appropriato per i bambini, afferma Tina Hartert di Vanderbilt, che sta conducendo uno studio sull'incidenza del COVID-19 nei bambini. L'approvazione richiederà più tempo per diversi motivi. Ad esempio, la FDA ha affermato di voler vedere più dati sulla sicurezza - sei mesi o più a seconda della novità della tecnologia del vaccino - rispetto ai due mesi richiesti per l'uso di emergenza.

 La novità dei vaccini COVID-19 combinata con la ridotta gravità della malattia nei bambini potrebbe portare a esitazione in alcuni genitori. Quando il vaccino contro la varicella è diventato disponibile per la prima volta, negli anni '90, l'assorbimento è stato lento, fino a quando le scuole pubbliche hanno iniziato a richiederlo. Meissner, che siede nel comitato consultivo per i vaccini della FDA, ha detto che è improbabile che le scuole richiedano un vaccino autorizzato solo per uso di emergenza. Ma c'è un autentico dibattito tra i gruppi consultivi sull'opportunità o meno di obbligare la vaccinazione COVID-19. "Una volta che hai bisogno di un vaccino", dice Meissner, "molte persone che normalmente potrebbero ottenere il vaccino si indignano e dicono: 'Non mi verrà detto cosa devo fare per me o la mia famiglia'".

 A lungo termine, è improbabile che il virus COVID-19 scompaia del tutto e nemmeno la conseguente necessità di vaccinazione. Se il virus continua a mutare o se l'immunità diminuisce, potrebbero essere necessarie vaccinazioni annuali o richiami ogni pochi anni. I vaccini potrebbero anche diventare parte del programma di immunizzazione infantile raccomandato. Gli esperti dicono che questo è il modo migliore per garantire che l'intera popolazione rimanga protetta. "I programmi di implementazione di maggior successo sono programmi pediatrici universali", mi ha detto Kathleen Neuzil, ricercatrice sui vaccini presso la Facoltà di Medicina dell'Università del Maryland. I genitori sono già abituati a far sì che i loro figli ricevano iniezioni dai pediatri ei pediatri sono già abituati a vaccinare un gran numero di bambini. Sebbene i bambini possano non essere particolarmente vulnerabili al COVID-19, lo saranno quando raggiungeranno l'età adulta. E vaccinare un gran numero di adulti, come sta scoprendo il mondo, è davvero molto difficile.

 Molly Hering, che sta partecipando alla sperimentazione della Pfizer, non sa ancora se ha ricevuto il placebo o il vaccino vero e proprio. Lei e suo fratello stanno usando un'App per monitorare i loro effetti collaterali; ha avuto un po 'di nausea e mal di testa dopo la prima iniezione, mentre lui aveva la febbre bassa. Torneranno per il loro richiamo questa settimana. Affinché le vaccinazioni infantili aiutino a rallentare la diffusione del virus, più volontari dovranno unirsi a loro nelle sperimentazioni.