I vaccini Covid-19 sono sicuri. Ma chiariamo cosa significa "sicuro"

Lo scetticismo sui vaccini esiste da quando Edward Jenner ha immunizzato per la prima volta un bambino di 8 anni contro il vaiolo nel 1796. Gli sforzi precedenti di collaborazione  nello sviluppo di vaccini sono culminati in più vaccini testati in studi clinici avanzati, il tutto in meno di un anno da quando i leader mondiali hanno capito che eravamo nel bel mezzo di una pandemia globale. Un primo vaccino viene ora dato agli operatori sanitari e un altro seguirà presto.

Di WAYNE C. KOFF e MICHELLE A. WILLIAMS 23 DICEMBRE 2020 STAT 

Poiché i primi vaccini Covid-19 vengono distribuiti negli Stati Uniti e in altri paesi in tutto il mondo, la domanda principale ora a molte persone è: " Questi vaccini sono sicuri?"

La risposta è si.

I vaccini sono uno dei grandi trionfi moderni della salute pubblica. Hanno contribuito ad aggiungere diversi decenni all'aspettativa di vita umana e sono uno dei migliori strumenti per prevenire malattie, debilitazione e morte. Le vaccinazioni con i vaccini per l'infanzia prevengono da 2 a 3 milioni di morti ogni anno . Sono anche uno dei prodotti più testati e sicuri della storia.

Sappiamo da studi clinici completati di recente sui vaccini Pfizer / BioNTech e Moderna per Covid-19 che le reazioni gravi sono rare. E poiché questi vaccini vengono distribuiti a milioni, acquisiremo una fiducia ancora maggiore nella loro sicurezza ed efficacia tramite studi successivi.

Tuttavia, è importante essere chiari su cosa significhi "sicuro". Nessun vaccino - anzi, nessun trattamento medico - è completamente privo di effetti collaterali. Ed è responsabilità dei professionisti medici essere onesti su di loro in modo che le persone siano preparate e più propense a fidarsi della scienza.

Lo scetticismo sui vaccini esiste da quando Edward Jenner ha immunizzato per la prima volta un bambino di 8 anni contro il vaiolo nel 1796.

Le ragioni variano da credenze religiose a secoli di sfruttamento medico inflitti alle comunità di colore e alla dilagante disinformazione sui social media. Inoltre, i vaccini Covid-19 vengono sviluppati, testati e approvati a velocità record.

Prima che un vaccino sia approvato per l'uso da parte del pubblico in generale, deve passare attraverso un attento processo in cui viene testato su decine di migliaia di volontari. Questo sistema è impostato per rilevare tutti gli effetti collaterali tranne i più rari. Anche dopo che un vaccino è stato autorizzato, è soggetto a rigorose valutazioni di sicurezza per rilevare i problemi che sorgono quando un vaccino viene somministrato a milioni di persone.

Tutto ciò complica la capacità dei leader della sanità pubblica di comunicare che gli effetti collaterali e le reazioni avverse al vaccino sono normali, specialmente quando tali reazioni diventano titoli, vengono amplificate sui social media e diventano foraggio per teorie del complotto.

Nel 2009, ad esempio, il vaccino H1N1, noto anche come vaccino contro l'influenza suina, era associato a un rischio estremamente ridotto di sindrome di Guillain-Barré , una rara malattia autoimmune che causa danni neurologici. I ricercatori hanno calcolato che c'erano 1,6 casi in più di questa sindrome su ogni milione di persone vaccinate. All'epoca, il CDC- Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie, in acronimo CDC, sono un importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d'America. - ha reso la comunicazione chiara una priorità, organizzando brevi riunioni di lavoro quasi giornalieri sulla campagna di vaccinazione del paese come un modo per alleviare le preoccupazioni del pubblico sulla sicurezza del vaccino. Gli Stati Uniti avevano imparato la lezione nel modo più duro: nel 1976, una risposta esagerata a una piccola epidemia di influenza suina contenuta portò a molte false storie sugli effetti collaterali di un vaccino contro l'influenza suina di nuova produzione .

In altri casi, gli esperti hanno stabilito che i rischi di un particolare vaccino erano troppo costosi da sopportare. Prendiamo il  RotaShield, il primo vaccino sviluppato per prevenire il rotavirus, una grave malattia gastrointestinale nei bambini. Il vaccino è stato autorizzato negli Stati Uniti nel 1998. Un anno dopo, un'indagine ha dimostrato che il vaccino ha aumentato il rischio di una rara ostruzione intestinale di uno o due casi ogni 10.000 bambini vaccinati. Le vaccinazioni sono state sospese e il produttore ha ritirato il vaccino dal mercato .

Questa esperienza dimostra il rigore dei processi di sicurezza e supervisione dei vaccini americani e quanto velocemente le autorità agiscono in caso di problemi. I vaccini contro il rotavirus di seconda generazione sono stati successivamente autorizzati e distribuiti e le valutazioni di sicurezza dopo l’immissione sul mercato non hanno rilevato aumenti del rischio di ostruzione intestinale.

Per essere sicuri, sperimentare qualsiasi effetto negativo o sviluppare una malattia da un vaccino - qualcosa che dovrebbe prevenire la malattia - può essere devastante per gli individui e le famiglie e non dovrebbe mai essere preso alla leggera, anche in mezzo a una pandemia globale. Ma i benefici enormi dei vaccini per gli individui e la società superano in modo significativo i rischi di reazioni avverse.

Grazie ai vaccini che superano il rigoroso sistema di test e approvazione, le malattie infettive che una volta colpivano centinaia di migliaia di persone all'anno negli Stati Uniti sono ora estremamente rare o, in casi, come il vaiolo, la poliomielite e la rosolia, sono completamente debellate. . Lo svantaggio è che, una volta che una malattia è tenuta a bada dalla vaccinazione, tendiamo ad abbassare la guardia e perdere di vista quanto siano fondamentali i vaccini per mantenerli in quel modo.

Covid-19 è ancora un altro caso in cui il rischio di non essere vaccinati è molto maggiore del rischio di effetti collaterali posti dal vaccino stesso. Delle decine di migliaia di persone che sono già state vaccinate, alcune hanno riportato sintomi a breve termine come febbre o dolori e alcune hanno riportato reazioni allergiche. Confrontalo con il virus stesso, che ha infettato più di 70 milioni di persone in tutto il mondo e ucciso circa 1,6 milioni, di cui oltre 300.000 negli Stati Uniti. Questo per non parlare della devastazione causata alle economie e ai sistemi sanitari di tutto il mondo.

Come recita il vecchio adagio, i vaccini non salvano vite, le vaccinazioni sì . L'unico modo per porre fine a questa tragedia in corso e tornare a una parvenza di normalità è disporre di campagne di vaccinazione diffuse. Ciò inizia con l'aiutare le persone a capire - attraverso regolari riunioni pubbliche e campagne di mass-media - che i vaccini Covid-19 sono sicuri pur essendo chiari sui potenziali effetti collaterali. Richiede inoltre una trasparenza completa e continua da parte del governo nazionale, statale e locale e dei funzionari della sanità pubblica, poiché si accumulano più dati su questi vaccini.

Solo allora inizieremo a ricostruire la fiducia, ottenere un'immunizzazione diffusa e garantire che questo virus sopravviva solo nei nostri libri di storia.

 

Wayne C. Koff è il presidente e CEO del Progetto Vaccini Umani e professore a contratto, presso il Dipartimento di Epidemiologia presso la Harvard TH Chan School of Public Health.

 Michelle A. Williams è il preside della Harvard TH Chan School of Public Health

 

STAT è una società di informazione sui media focalizzata sulla ricerca e il racconto di articoli interessanti su salute, medicina e scoperte scientifiche.  Sul nostro sito - https://www.statnews.com- raccontiamo le nostre storie dai luoghi che contano ai nostri lettori: laboratori di ricerca, ospedali, suite dirigenziali e campagne politiche.