Long Covid : Covid cronico o prolungato: Perché alcune persone si ammalano mesi dopo aver preso il virus?

 Long Covid : Covid cronico o prolungato: Perché alcune persone si ammalano mesi dopo aver preso il virus?

 Vanessa Branchi New Scientist 24-ottobre 2020

 

 Il problema della immunità di gregge ottenuta naturalmente come soluzione alla pandemia di coronavirus è tornato in discussione nelle ultime settimane.  Comunque lasciare che il virus si diffonda tra i giovani, che hanno meno probabilità di morire per il covid-19, potrebbe portare a conseguenze devastanti.  Le stime suggeriscono che potrebbero già esserci milioni di persone in tutto il mondo che convivono con " Covid prolungato", quella che sembra essere una sindrome debilitante che segue un'infezione da coronavirus.

 

 Man mano che le storie personali di problemi a lungo termine si accumulano, i ricercatori e gli organismi sanitari stanno imparando di più su ciò che potrebbe causare questi sintomi di lunga durata e sul modo migliore per trattarli.

 

"Non sono sicura di come ho contratto il virus", dice Heather-Elizabeth Brown, una formatrice aziendale di 36 anni nel Michigan che ha sintomi gravi sei mesi dopo la sua diagnosi iniziale.  "Stavo rispettando l’isolamento sociale, e indossando una maschera."

 

 Tuttavia, Brown si è ammalata all'inizio di aprile.  Dopo essere stata inizialmente licenziata dai medici e due volte risultata negativa al coronavirus, Brown è stata ricoverata in ospedale a metà aprile, quando alla fine è risultata positiva.

 

 A quel punto, aveva la febbre e faticava a respirare, e le radiografie del torace hanno rivelato segni di polmonite.  Entro un paio di giorni dal suo ricovero in ospedale, la Brown è stata messa su un ventilatore e posta in coma farmacologico per un mese, dice.  Durante quel periodo, ha sviluppato coaguli di sangue nelle gambe e nel cervello.  "È un miracolo che sia sopravvissuta", dice.  Non è ancora uscita dal la fase critica.

 

 La mancanza di respiro è uno dei sintomi comuni del Covid prolungato

 Non esiste ancora una definizione clinica ufficiale di Covid prolungato, ma un numero crescente di persone riferisce sintomi che possono durare per mesi.  Vengono spesso menzionati dolori toracici cronici, mancanza di respiro e affaticamento.  Alcune persone subiscono danni permanenti al cuore e ai polmoni e comparsa di coaguli di sangue che possono causare gonfiore dolori o ictus.

 

 "Tutti soffrono di stanchezza e mal di testa: questo è praticamente universale", afferma Tim Spector del King's College di Londra.  Ha analizzato i sintomi riportati attraverso l'app Covid Symptom Study, che ha più di 4 milioni di utenti - comprese le persone che sono sane e devono ancora risultare positive al covid-19 – che vivono nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Svezia.

 

 Anche la mancanza di respiro e la perdita dell'olfatto e del gusto sono tra i sintomi a lungo termine più comunemente osservati tra gli utenti dell'app, sebbene ne siano stati segnalati molti altri.  "Le persone hanno eruzioni cutanee, febbre, perdita di capelli, formicolio, dolori muscolari, diarrea ... tutto può rientrare in questa lista", dice Spector.

 

 

 La Brown ha ancora una stanchezza debilitante e mancanza di respiro, fatica a parlare per più di 20 minuti o a salire una rampa di scale.  Ha anche iniziato a sperimentare la "nebbia nel cervello".  "Ho sempre avuto una memoria fenomenale, ma a volte dimentico le cose ... c'è una certa parola che non riesco a trovare", dice.  "È davvero frustrante."

 

 È stata ricoverata due volte per complicazioni legate ai suoi coaguli di sangue.  Ha ricevuto terapia fisica e del linguaggio e supporto per la salute mentale e dice che sta assumendo 15 diversi farmaci per gestire i suoi sintomi di covid-19 e le loro complicanze.

 

 I sintomi possono risolversi temporaneamente e fare un ritorno e possono svilupparsi in persone la cui malattia iniziale era lieve, così come in persone che si stavano riprendendo da casi più gravi di covid-19.  Poiché esiste una gamma così ampia di sintomi, non è ancora chiaro se il Covid prolungato sia una singola sindrome o il risultato di molte condizioni (vedere "Covid lungo potrebbero essere diverse sindromi?").

 

 Un paio di rapporti recenti dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) suggeriscono che per esempio alcuni adulti sviluppano una sindrome infiammatoria multi sistemica.  Questo raro esito di covid-19 è già stato osservato nei bambini.  Non tutti gli adulti che sviluppano questa sindrome avevano condizioni di salute preesistenti e molti continuano a risultare negativi per covid-19 prima di sviluppare i sintomi.

 

 "Ci sono i sintomi come non sentirsi bene e non essere in grado di fare le cose, e poi c'è il danno d’organo. per esempio una scansione può mostra un'infiammazione cardiaca o un danno polmonare, ", afferma Nisreen Alwan dell'Università di Southampton, nel Regno Unito, e lei stessa ha sintomi mesi dopo l'inizio del covid-19.  "A volte accadono nelle stesse persone, a volte no.  C'è una vasta gamma di situazioni cliniche"

 

 Betty Raman dell'Università di Oxford e i suoi colleghi hanno esaminato 58 persone con covid-19 moderato o grave.  Le scansioni MRI hanno rivelato anomalie dei tessuti nei polmoni del 60 per cento di queste persone, nei reni del 29 per cento, nel cuore del 26 per cento e nel fegato del 10 per cento.  La mancanza di respiro persistente era una caratteristica per il 64% delle persone e il 55% aveva una stanchezza significativa (medRxiv, doi.org/ffjz).

 

 

 Milioni di casi

 Sebbene non sappiamo ancora quante persone siano affette da Covid prolungato, una manciata di studi suggeriscono che potrebbe essere comune tra coloro che contraggono il covid-19. Uno studio in Italia ha rilevato che, su 143 persone che erano state ricoverate in ospedale con covid-19, solo il 12% non ha riportato sintomi 60 giorni dopo l'insorgenza della malattia.  Più della metà dei partecipanti soffriva ancora di stanchezza a quel punto e molti hanno riferito mancanza di respiro e dolori al petto e ai muscoli (JAMA, doi.org/gg4hvp).

 

 Uno studio simile in Francia ha anche scoperto che la maggior parte delle persone che erano state ricoverate in ospedale con covid-19 avvertivano ancora gli effetti mesi dopo.  Circa 110 giorni dopo la comparsa dei primi sintomi, il 55% di un gruppo di 120 individui soffriva di stanchezza.  Circa un terzo ha anche segnalato una perdita di memoria (Journal of Infection, doi.org/ghdhzf).

 

 Queste cifre si allineano con altre sindromi post-virali.  Ad esempio, circa l'80% delle persone che guariscono dall'ebola hanno problemi un anno dopo, afferma Janet Scott dell'Università di Glasgow, nel Regno Unito.  "Hanno dolori muscolari e dolori, problemi oculari, mal di testa e una lunga lista di altri sintomi."

 

 Uno studio a lungo termine su persone che sono state ricoverate in ospedale con la SARS dopo l'epidemia del 2003 ha rilevato che circa il 40% ha affermato di soffrire ancora di stanchezza cronica quasi quattro anni dopo la dimissione dall'ospedale (JAMA Internal Medicine, doi.org/c7xcvp).

 

 

 Un rapporto di luglio del CDC ha rilevato che circa un quinto di coloro che risultano positivi al coronavirus hanno ancora sintomi due o tre settimane dopo.  Spector e i suoi colleghi che gestiscono l'app Covid Symptom Study hanno esaminato i risultati a lungo termine.

 

 Hanno trovato circa 4000 persone che hanno registrato sintomi per più di un mese, alcune delle quali hanno avuto sintomi per due o tre mesi finora.  Questi individui erano sani quando hanno iniziato a utilizzare l'app per la prima volta e tutti hanno sviluppato sintomi e hanno ottenuto un risultato positivo del test per il coronavirus, afferma Spector.  Non tutti hanno ricevuto cure ospedaliere.

 

 "Questo ci ha fornito queste stime approssimative che 1 su 10 [ha ancora i sintomi] in un mese", dice Spector.  Le informazioni raccolte dagli utenti dell'app suggeriscono anche che 1 persona su 20 presenterà sintomi due mesi dopo l'inizio della malattia e 1 su 50 avrà sintomi tre mesi dopo.

 

 Il governo del Regno Unito riferisce che, al 25 ottobre, 873.800 erano risultati positivi al coronavirus e 58.164 erano morti.  È possibile che almeno 75.000 persone che hanno contratto il covid-19 abbiano ancora i sintomi un mese dopo e più di 14.000 avranno sintomi tre mesi dopo la loro infezione iniziale nel solo Regno Unito.  Dei 37,8 milioni di casi globali confermati, potremmo aspettarci che almeno 3,8 milioni di persone abbiano già sperimentato sintomi Covid cronici.

 

 

 È impossibile saperlo con certezza, perché i dati dell'app Covid Symptom Study provengono da persone in paesi che non stavano testando tutti quelli con sintomi durante la prima ondata di infezioni a marzo.  Non c'è modo di sapere quante persone che non sono state ricoverate in ospedale avevano il virus.  E le persone segnalavano i loro sintomi attraverso il blocco e il permesso, entrambi i quali possono esacerbare i problemi di salute, afferma Louise Sigfrid dell'Università di Oxford.

 

 Ci sono anche altri problemi con i dati dell'app.  Agli utenti viene chiesto di inserire informazioni ogni giorno su come si sentono e di selezionare gli elementi da un menu a discesa di 20 sintomi.  Spector dice che la maggior parte degli utenti non lo fa quotidianamente.  Alcuni con un lungo Covid dicono che si annoiano di elencare gli stessi sintomi per settimane o mesi.  Altri dicono che non si preoccupano di digitare i loro sintomi se non sono già inclusi nell'elenco dell'app.  Il team di Spector sta attualmente lavorando per estendere l'elenco.

 

 Non sappiamo se le persone che originariamente avevano infezioni asintomatiche potrebbero successivamente sviluppare sintomi duraturi, ma almeno un rapporto suggerisce che ciò potrebbe accadere.

 

Il “5% è la quantità stimata di persone che presenteranno sintomi due mesi dopo l'inizio del covid-19 "

 

 Quando Valentina Puntmann dell'ospedale universitario di Francoforte in Germania ei suoi colleghi hanno valutato l'infiammazione del cuore in 100 persone che si erano recentemente riprese da un covid-19 acuto, hanno scoperto che 78 individui mostravano segni di infiammazione e danno cardiaco, compresi quelli che avevano solo sintomi lievi (JAMA  Cardiologia, doi.org/gg8n87).  Una risonanza magnetica del cuore di un uomo, ad esempio, ha mostrato "gravi anomalie" 67 giorni dopo la sua diagnosi ufficiale, nonostante avesse sperimentato solo una perdita dell'olfatto e del gusto e una lieve febbre per due giorni.

 

 Chi è a rischio?

  

 Non sappiamo ancora chi è a rischio di sviluppare un Covid prolungato.  Gli studi che si sono concentrati su persone che sono state ricoverate in ospedale con covid-19 suggeriscono che i sintomi duraturi sono più comuni in coloro che avevano una malattia iniziale più grave, in particolare quelli che hanno ricevuto un trattamento in un'unità di terapia intensiva.

 

 Ma ci sono molte segnalazioni aneddotiche di persone che sono guarite bene da una malattia grave e altre che hanno sviluppato una malattia duratura dopo casi molto più lievi.  "Ci sono molte variazioni individuali", afferma Louise Wain dell'Università di Leicester, nel Regno Unito, che sta conducendo uno studio sui risultati di salute a lungo termine delle persone ricoverate in ospedale con covid-19.  "Potrebbe essere dovuto a condizioni preesistenti che avevano o all'influenza del loro stile di vita, potrebbe essere correlato al trattamento che avevano, o potrebbe essere correlato alla loro genetica", dice.

 

 “Una su tre è la percentuale di persone ricoverate in ospedale con covid-19 in uno studio che hanno riportato perdita di memoria 110 giorni dopo la prima comparsa dei sintomi "

 

 Le informazioni dall'app Covid Symptom Study suggeriscono che il Covid prolungato può verificarsi in chiunque abbia più di 18 anni, afferma Spector.  Il suo team ha notato che i sintomi duraturi sembrano avere maggiori probabilità di colpire gli individui più anziani, ma il l Covid prolungato può colpire anche persone giovani e sane.

 

 "Vediamo molte segnalazioni di persone che erano molto attive fisicamente che lo segnalavano", dice Alwan.  Non sappiamo ancora se ci sia una ragione per questo, o se i giovani che hanno meno probabilità di sviluppare casi gravi di covid-19 acuto siano più inclini a Covid conico.  "Potrebbe essere che le persone anziane abbiano maggiori probabilità di morire", dice Scott.

 

 È anche possibile che le persone più giovani e più sane notino di più i loro sintomi perché "non possono davvero fare nessuna delle cose che erano in grado di fare", dice Alwan.  "Ma non sappiamo ancora chi sia più vulnerabile."

 

 Danno involontario

 

 Le cause del Covid prolungato rimangono un mistero, ma diverse ipotesi vengono messe alla prova.  "C'è il danno diretto che il virus può fare, e poi c'è il danno involontario che il corpo può fare quando risponde al virus”, “Forse è una combinazione di questi due."

 

 La mancanza di respiro e dolori al petto potrebbero essere il risultato di danni ai polmoni o al cuore, ad esempio.

 

 “Quasi 3,8 milioni di persone potrebbero aver già avuto sintomi di Covid prolungato "

 

 È possibile che il virus possa nascondersi in alcuni tessuti del corpo, provocando una reazione immunitaria che si riattiva continuamente, dice Spector.

 

 "Alcune parti del corpo sono protette dalla maggior parte del nostro sistema immunitario", afferma Scott.  Il sistema nervoso centrale, gli occhi e la prostata potrebbero fornire un rifugio sicuro per la sopravvivenza del virus nel corpo, ad esempio.

 

 Scott, Sigfrid ei loro colleghi sono una delle tante equipe che stanno iniziando a cercare segni di questa risposta immunitaria nei campioni di sangue prelevati da persone che si stanno riprendendo da covid-19.  Finora, il loro studio ISARIC ha reclutato più di 100.000 partecipanti da 42 paesi.

 

 Il team cercherà cellule immunitarie, anticorpi e altri marker di infiammazione e vedrà come i loro livelli cambiano nel tempo.  Sigfrid spera che gli esami del sangue per questi parametri possano alla fine aiutare a identificare le persone che sono a rischio di sviluppare un Covid prolungato.

 

 Nel frattempo, si può fare molto per sostenere le persone che hanno già un Covid cronico.  Per cominciare, i medici e gli operatori sanitari devono riconoscere che la condizione è reale, e non solo "nella testa di una persona", che è una lamentela comune da parte di persone che hanno un Covid cronico, dice Alwan.

 

 A tal fine, il National Institute of Health and Care Excellence dell'Inghilterra, insieme a un ente sanitario scozzese e un gruppo che rappresenta i medici di famiglia, sta lavorando a una definizione di Covid cronico e linee guida su come identificare e trattare i vari sintomi.  "Spero che escano con qualcosa di ampio", dice Alwan.  “Serve una definizione del caso per poterlo misurare e per essere riconosciuto, ma deve essere in grado di evolversi nel tempo.  È davvero complicato. "

 

 La definizione non dovrebbe essere basata sull'aver avuto un risultato positivo del test covid-19, afferma Alwan.  Molte persone che hanno Covid cronico non sono state testate durante la loro infezione acuta da coronavirus o potrebbero aver ricevuto un risultato errato.  E i test anticorpali non chiariscono in modo definitivo se una persona ha avuto il coronavirus in passato.

 

 Il National Health Service in Inghilterra ha anche lanciato un sito web che offre consigli su come gestire vari sintomi e prevede di istituire centri di trattamento che affrontino i molteplici sintomi del Covid.

 

 Allo stesso tempo, i datori di lavoro devono essere consapevoli dell'impatto del Covid prolungato, afferma Sigfrid.  Brown che si sente fortunata che il suo datore di lavoro sia stato comprensivo e di supporto.  Come formatrice aziendale, gran parte del suo lavoro consiste nel parlare, cosa che trova ancora difficile da fare per un lungo periodo di tempo. 

 

 Alwan ha scoperto che riposarsi abbastanza l'ha aiutata.  "Ho imparato a non sforzarmi più di una volta", dice.

 

 Ross spera che la nostra crescente comprensione del Covid cronico metterà un altro ostacolo all’idea che l'immunità di gregge indotta da infezioni sia la via d'uscita da questa pandemia.  "Esiste il rischio di danni anche nelle persone che non hanno un'infezione grave ", afferma.  "È un messaggio di avvertimento per tutti noi fare il possibile per prevenire l'infezione."

 

 Potrebbero presentarsi diverse sindromi?

 Mancanza di respiro, dolore, affaticamento, "nebbia del cervello", coaguli di sangue, danni agli organi: l'elenco dei sintomi e delle complicazioni attribuiti a " Covid cronico" è lungo, vario e in crescita.  La condizione, che sembra svilupparsi dopo un caso di covid-19, potrebbe effettivamente includere molte sindromi diverse?

 

 Questo è il suggerimento sollevato dai ricercatori del National Institute for Health Research (NIHR) del Regno Unito.  Dopo aver esaminato le prove pubblicate e intervistato 14 persone con Covid prolungato, il team ha scoperto che "i sintomi descritti possono essere dovuti a una serie di sindromi diverse".

 

 Alcuni di coloro che vengono ricoverati in ospedale con covid-19 finiscono per richiedere un trattamento in unità di terapia intensiva (ICU).  Questi individui potrebbero aver bisogno di ventilazione per aiutarli a respirare, ad esempio.  Un ricovero in terapia intensiva per qualsiasi condizione può portare alla sindrome post-terapia intensiva, che è un insieme di sintomi che derivano dal riposo a letto prolungato e dalle procedure mediche invasive.  I sintomi includono debolezza muscolare, disfunzione cognitiva che potrebbe assomigliare alla "nebbia del cervello" e segni di ansia, depressione e disturbo da stress post-traumatico.

 

 Altri potrebbero sviluppare una sindrome più vicina alla stanchezza post-virale, che è stata osservata anche in persone che si stanno riprendendo da molte altre infezioni virali, come il virus di Epstein-Barr, responsabile della febbre ghiandolare o della mononucleosi.

 

 Le persone che mostrano segni di danno d'organo potrebbero ancora riprendersi dall'infezione iniziale di covid-19.

 

 E il Covid cronico potrebbe rappresentare un'altra sindrome separata.  È anche possibile che alcune persone possano avere più di una sindrome contemporaneamente.  Fino a quando non sapremo di più sul Covid prolungato, è difficile descriverlo con certezza, affermano gli autori dello studio NIHR.