Come possiamo essere d'aiuto nell'emergenza Covid-19?

Innanzi tutto vediamo dove trovare Informazione verificata su Covid 19 e sul suo andamento ed effetti, senza perdersi nel vortice dl web:

Ministero Salute:

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=228&gclid=EAIaIQobChMIsY7Wp5K_6AIVwswYCh2juQbxEAAYASAAEgKTEvD_BwE#1

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4276

http://www.protezionecivile.gov.it/

Istituto superiore di Sanità

https://www.iss.it/coronavirus

Istituti di statistica

https://www.worldometers.info/coronavirus/

L’ultimo riferimento fornisce dati numerici aggiornati in continua ed elaborazioni statistiche, per chi fosse interessato.

Coronavirus e volontariato: come posso aiutare nel Lazio?

Dal dare una mano agli enti di beneficenza ed ONLUS  locali a sostenere gli sforzi del SSN e della Protezione Civile, ci sono molti modi per essere coinvolti

Voglio aiutare.  Dove posso trovare informazioni sul volontariato?

Molti enti di beneficenza locali   hanno necessità di attrarre nuovi volontari, soprattutto perché i vecchi sostenitori sono costretti a rimanere a casa.

Nel Lazio si può  fare riferimento a:

 Siti coordinamento volontariato:

 http://www.volontariato.lazio.it/covid19/covid.asp

https://www.csvnet.it/component/tags/tag/csv-lazio

 Croce Rossa

https://www.cri.it/12-03-2020-covid-19-diventa-volontario-temporaneo-croce-rossa

 oppure alle  numerosissime Onlus, come quelle che si occupano di anziani, indigenti e senza dimora, ad esempio:

https://www.binario95.it/

https://www.progettoarca.org/

https://www.santegidio.org/pageID/30204/langID/it/OFFRI-IL-TUO-TEMPO-VOLONTARIATO.html

Il  volontariato può  può convogliare  persone con competenze professionali specialistiche, ad esempio competenze  sanitarie ma anche informatiche, psicologiche , a enti di beneficenza che hanno bisogno del loro aiuto.

Come faccio volontariato per il SSN?

Il servizio sanitario in Italia  ha lanciato una chiamata per i volontari medici ed infermieri.

Per ogni forma di volontariato per competenze differenti si può fare riferimento alle organizzazioni indicate al punto precedente

 Ho lavoro e doveri familiari, ma desidero essere coinvolto.  Come posso aiutare?

Occuparsi di vicini e  familiari è il modo più semplice per aiutare le persone vulnerabili, sole, isolate  o, a loro volta, impegnate in assistenza. 

L'aiuto può essere vario:  fare commissioni nei negozi, fornire una voce amichevole di rassicurazione e supporto, telefonando, scrivendo messaggi o e-mail.

Le iniziative locali di aiuto reciproco Covid-19 come quelle proposte dal I Municipoi di Roma servono a coordinare le iniziative di "buon vicinato

https://primomunicipioroma.com/category/informazioni-utili/solidarieta-informazioni-utili/

Tutti i municipi hanno attivato iniziative simili

Questo è uno dei siti da cui si può scaricare l’elenco delle iniziative dei Municipi di Roma:

https://www.carteinregola.it/index.php/solidarietavincecoronavirus-roma-a-domicilio/

Sono autorizzato a fare volontariato secondo le regole del "rimanere a casa"?

Sì.  per le organizzazioni di volontariato, le eccezioni alle restrizioni  includono le attività di  persone che debbono spostarsi per fornire assistenza agli altri.

Le  persone che stiano  fornendo, in modo documentabile,  aiuto a persone vulnerabili e che non  possano farlo da casa, possono essere autorizzate a muoversi dalla loro abitazione.

Tali servizi potranno quindi essere erogati dai volontari e dalle organizzazioni (qualora le attività in questione rientrino in quelle previste dallo statuto), sempre però nel rispetto delle prescrizioni disposte per i singoli individui, ed in particolare:

  • l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro dagli utenti e dagli altri operatori o, comunque, ove questo non sia possibile, utilizzando i presidi sanitari necessari;
  • l’obbligo di compilare e di portare con sé l’autodichiarazione, indicando tra le motivazioni dello spostamento lo stato di necessità (barrando l’apposita casella) e più oltre, dove è richiesta l’esplicitazione della motivazione indicata, descrivere l’attività svolta (ad esempio, la consegna di generi alimentari al domicilio di anziano solo e impossibilitato). Potrebbe altresì rivelarsi utile  il possesso da parte del volontario di una attestazione dell’organizzazione di appartenenza che dia certezza della sua qualifica di volontario.

Se sei considerato ad alto rischio - hai più di 70 anni o hai problemi di salute  - ci sono anche  opportunità di volontariato che puoi fare per telefono o computer da casa.

Il volontariato è sicuro?

E’ importante essere sempre  sensibile e vigile rispetto al l rischio del contagio

 Se stai aiutando i vicini, ricorda le regole di distanza fisica: prova prima a comunicare telefonicamente o via SMS;  non entrare nelle case delle persone e rimani  sempre ad due metri di distanza, in questi casi indossa possibilmente mascherina e guanti

 Prenditi cura di te stesso, non fare una commissione per un vicino se sei malato o in auto-isolamento precauzionale

.Lavati le mani regolarmente e con accuratezza

Consigli più estesi si possono trovare ad esempio qui :

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4156

Che cosa succede se il volontariato comporta un contatto diretto?

Esistono inevitabili rischi per la salute derivanti dal volontariato diretto e nessuna garanzia che tu disponga di adeguati dispositivi di protezione individuale. 

Per questo motivo molti progetti di volontariato, come cucine di comunità e centri diurni, hanno dovuto chiudere  i servizi. 

Tuttavia, altri si stanno organizzando per cercare di ridurre al minimo i rischi di infezione attraverso il contatto fisico o la stretta vicinanza.  Alcuni servizi di amicizia faccia a faccia, ad esempio, sono stati sostituiti da contatti telefonici  o online.

La donazione di denaro può essere di aiuto?

Sì.  Le organizzazioni di beneficenza di piccole e grandi dimensioni sono state devastate dall'improvviso calo del reddito volontario causato dalla cancellazione o dal rinvio delle raccolte fondi, come  ogni attività convegnistica o congressuale,  manifestazioni,  eventi , spettacoli,  visite ai musei per raccolta fondi

 Quelle  con punti vendita su  strada sono stati colpiti anche dalla chiusura de negozi. 

Senza denaro contante, migliaia di enti di beneficenza, tra cui ospizi, assistenza sanitaria e sociale e organizzazioni di sostegno al cancro, saranno costretti a ridurre i servizi, o in alcuni casi addirittura a chiudere.

A chi  fare una donazione per aiutare a sostenere lo sforzo in questo momento di lotta al Covid19?

L'attenzione primaria  è rivolta agli enti che possono fornire assistenza di emergenza in prima linea alle persone vulnerabili colpite dall'impatto sociale del coronavirus, comprese le banche alimentari e le organizzazioni di assistenza che aiutano le persone anziane, isolate e disabili e le loro famiglie.

 Ci sono milioni di persone che vivono al limite della sopravvivenza anche nel nostro paese e saranno gravemente colpite dalla crisi economica causata da Covid-19. 

Organizzazioni come Progetto Arca o Binario95 la Comunità di S.Egidio, ad esempio, hanno bisogno di maggiore sostegno economico per portare pasti, indumenti, presidi di protezione ai senzatetto.

Altrimenti si possono fare donazioni alla Protezione Civile o alla Croce Rossa .  Queste organizzazioni stanno  coordinando lo sforzo di soccorso, e forniscono  portali online per donazioni da parte di privati ​​e aziende.