Non dobbiamo diventare immuni di fronte al pesante bilancio delle vittime della pandemia

 

La maggior parte delle persone nel mondo non ha ancora raggiunto alcun livello di immunità al virus covid-19.  Ma c'è un rischio crescente che alcuni di noi stiano diventando psicologicamente immuni dagli enormi effetti che questa pandemia sta evidenziando su base settimanale.

 Quando questo numero del New Scientist ( 19/9/2020) è andato in stampa, il mondo era sulla buona strada per superare in pochi giorni  un milione di decessi per covid-19. Dovremmo evitare di diventare indifferenti a questo numero così elevato di morti. All'inizio della pandemia, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha suggerito che il covid-19 non era così grave come l'influenza.  Si era sbagliato. In un anno cattivo, l'influenza uccide fino a 650.000 persone in tutto il mondo.  Il Covid-19 ha ucciso molto di più, con tre mesi dell'anno ancora da trascorrere - e non si fermerà quando verrà cantato Auld Lang Syne, (Negli Stati Uniti è considerata la canzone della vigilia di capodanno) o anche quando verrà prodotto il primo vaccino efficace.  Il covid-19 ha ucciso tutte queste persone non in circostanze normali, ma di fronte a un blocco globale che un anno fa non potevamo nemmeno immaginare.

  In modo schiacciante, coloro che sono morti avevano 65 anni e più, ma in media avrebbero avuto più di un decennio di vita se non fosse stato per covid-19.  La lunga coda della malattia, nel frattempo, fa supporre che l'impatto sui giovani deve ancora essere pienamente compreso.  La cosa più preoccupante è il fatto che 1 milione di morti è una sottostima: conta solo quelle morti da covid-19 che abbiamo rilevato.  Molte persone saranno morte a causa della malattia non testata e quindi potrebbero non essere incluse nel bilancio ufficiale delle vittime.

  L'approccio migliore sarà esaminare i dati sulle morti in eccesso - quelle al di sopra della media a lungo termine per un dato periodo - sebbene nei luoghi più poveri del mondo, la mancanza di dati di riferimento significa che potremmo non conoscere mai completamente il vero bilancio. Quando le persone si lamentano della nuova "regola dei sei" del Regno Unito (evitare raggruppamenti di più di sei persone) o si scagliano contro paesi come Israele che adottano un secondo blocco nazionale durante le festività religiose, dovremmo dedicare un minuto a ricordare che almeno un milione di persone - un milione di individui - sono morte per questo patologia.  In loro ricordo non dobbiamo restare immuni all'indifferenza verso questa tragedia.