Vitamine e integratori alimentari sono uno spreco di denaro per la maggior parte delle persone.

Categoria: Alimentazione e malattia
Pubblicato: Giovedì, 23 Giugno 2022 12:19
Scritto da Giovanni Creton
Visite: 162

La US Preventive Services Task Force afferma che non ci sono prove valide che gli integratori proteggano dal cancro o dalle malattie cardiache nella maggior parte delle persone.

 21 giugno 2022 Grace Wade New Scientist

  La US Preventive Services Task Force ha raccomandato di non assumere integratori di vitamina E.

 Non è chiaro se gli integratori alimentari aiutino a proteggere dal cancro o dalle malattie cardiovascolari nella maggior parte degli adulti e un tipo di integratore può effettivamente aumentare il rischio di cancro, secondo le raccomandazioni aggiornate della Task Force sui servizi preventivi degli Stati Uniti.

  Più della metà degli adulti statunitensi assume integratori.  Molti li percepiscono come benefici per la loro salute e come un modo per colmare le lacune nutrizionali nella loro dieta.

  Le nuove linee guida sfidano questa percezione ampiamente diffusa.  La task force è composta da 16 esperti medici indipendenti e fornisce indicazioni sulle misure sanitarie preventive come screening, servizi di consulenza e farmaci.  Per sviluppare le ultime raccomandazioni, ha esaminato 84 studi sull'uso degli integratori, 54 dei quali sono stati pubblicati dopo che il gruppo ha emesso l'ultima consulenza sugli integratori nel 2014.

  "Per la maggior parte degli integratori vitaminici e minerali, comprese le combinazioni come i multivitaminici, non siamo riusciti a trovare prove sufficienti per raccomandare a favore o contro il loro uso nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del cancro, con alcune eccezioni", ha detto a New Scientist il vicepresidente dell'organizzazione Michael Barry.

   La task force specificamente raccomandata contro gli integratori di vitamina E beta-carotene.  Ha scoperto che gli integratori di vitamina E non hanno avuto effetti benefici nel prevenire la morte prematura, le malattie cardiovascolari o il cancro.  Le prove indicano anche che il beta-carotene, un pigmento convertito in vitamina A nel corpo, può aumentare il rischio di cancro ai polmoni nelle persone che fumano o sono state esposte all'amianto, afferma Barry.

  La task force ha chiarito che queste nuove raccomandazioni non si applicano alle persone con carenze di vitamine e minerali o alle donne che sono o potrebbero presto rimanere incinte.  "In tal caso, abbiamo una raccomandazione separata sull'uso di integratori di acido folico per prevenire i difetti del tubo neurale nel bambino in via di sviluppo", afferma Barry.

  Ma per la maggior parte delle persone, gli integratori alimentari sono probabilmente una perdita di tempo e denaro, secondo un commento scritto dai ricercatori della Northwestern University nell'Illinois in concomitanza con la pubblicazione delle nuove raccomandazioni.  "Stiamo vedendo che le vitamine e gli integratori, sfortunatamente, non sono un proiettile d'argento per gli americani sani", afferma l'autrice principale Jenny Jia.  "La maggior parte delle persone presume che le vitamine siano completamente benigne, ma possiamo vedere, in alcuni casi, che possono essere dannose".

 L'assunzione di integratori può anche fornire alle persone un falso senso di sicurezza, afferma Barry.  Di conseguenza, possono rinunciare ad altre misure più efficaci per prevenire il cancro e le malattie cardiovascolari come seguire una dieta sana ricca di frutta e verdura, fare esercizio fisico e seguire le raccomandazioni per lo screening del cancro.

 

Chi dovrebbe prendere cosa?

 Sebbene non vi sia alcun sostituto per un'alimentazione sana, è più probabile che alcuni sottogruppi della popolazione siano carenti di determinati nutrienti.  Qui, gli integratori possono svolgere un ruolo più utile:

 Donne incinte

  Le donne incinte, o quelle che stanno pensando di rimanere incinta, dovrebbero prendere in considerazione l'assunzione di acido folico.  È stato stimato che questo dimezza più della metà l'incidenza di condizioni come la spina bifida, che è quando la colonna vertebrale e il midollo spinale non si sviluppano correttamente in un bambino.  Alcuni alimenti, come alcuni cereali e  presto la farina nel Regno Unito, sono fortificati con acido folico.

  Neonati

  L'American Academy of Pediatrics raccomanda che i bambini allattati esclusivamente o parzialmente al seno ricevano vitamina D supplementare, che è presente solo a livelli molto bassi nel latte materno.  "Non sappiamo quanta vitamina D fosse presente nel latte materno dei nostri antenati, ma ora sappiamo che è limitata, almeno in generale, nei paesi ad alta latitudine", afferma JoAnn Manson dell'Harvard T.H.  Chan School of Public Health di Boston, che ha recentemente esaminato le prove per gli integratori alimentari in vari gruppi di popolazione.

 I bambini sani che consumano una dieta equilibrata non hanno bisogno di integratori multivitaminici o multiminerali, dice, anche se ci sono alcune prove che gli acidi grassi omega-3 possono ridurre i sintomi dell'ADHD nei bambini con difficoltà comportamentali e di apprendimento.

  Adulti oltre i 50 anni

 Con l'avanzare dell'età, iniziamo a produrre meno acido gastrico, che può ostacolare la nostra capacità di assorbire determinati nutrienti dalla nostra dieta.  Uno di questi è la vitamina B12, usata per produrre globuli rossi, nervi e DNA.  Gli adulti di età superiore ai 50 anni sono quindi spesso carenti di questo nutriente e dovrebbero considerare di assumerne di più da integratori o cibi fortificati, compresi alcuni cereali per la colazione. Anche le ossa si indeboliscono con l'età e sono necessari vitamina D e calcio per rafforzarle.  La vitamina D è prodotta nella pelle dalla luce solare, ma durante l'inverno alle alte latitudini, gli integratori possono aiutare, anche se non è chiaro se riducano il tasso di fratture. Una recente meta-analisi ha concluso che gli integratori di calcio riducono il rischio di fratture e perdita di densità di massa ossea tra le donne e gli uomini in postmenopausa di età pari o superiore a 65 anni.  Ma aumentano anche il rischio di calcoli renali.

 

 Se hai un problema di salute, dovresti parlare con il tuo medico prima di assumere integratori