L’importanza della alimentazione nella prevenzione della maggior parte delle patologie croniche.

Categoria: Alimentazione e malattia
Pubblicato: Venerdì, 14 Gennaio 2022 16:38
Scritto da Giovanni Creton
Visite: 163

The China Study è un libro pubblicato nel 2005 dal nutrizionista T. Colin Campbell, basato su dati epidemiologici raccolti in Cina. In esso l'autore, responsabile della ricerca, trasse una serie di conclusioni sui presunti benefici per la salute che deriverebbero da alcuni regimi alimentari. Il libro fu negli anni successivi sottoposto a numerose critiche ma fu fondamentale per aprire il dibattito tra alimentazione e salute.

Un nuovo ed interessante studio suggerisce di utilizzare l’olio d'oliva per ridurre il rischio di morte prematura.

Amy Roeder 13 gennaio 2022-The Harvard Gazette

 

 

I ricercatori della Harvard Chan School hanno riscontrato l'impatto in molte condizioni cardiovascolari e respiratorie, cancro, malattie neurodegenerative

Le persone che consumano elevate quantità di olio d'oliva possono ridurre il rischio di morte prematura in generale e per cause specifiche, tra cui malattie cardiovascolari, cancro e malattie neurodegenerative, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health. I ricercatori hanno anche scoperto che le persone che consumavano olio d'oliva invece del grasso animale avevano un rischio inferiore di mortalità totale e specifica per singola patologia.

 Lo studio è stato pubblicato online sul Journal of American College of Cardiology.

Questo è il primo studio osservazionale a lungo termine sul consumo di olio d'oliva e sulla mortalità negli Stati Uniti. La maggior parte delle ricerche precedenti sull'olio d'oliva e sulla salute si è concentrata sulle popolazioni dell'Europa e del Mediterraneo, dove il consumo di olio d'oliva è più elevato.

 "Il consumo di olio d'oliva è stato collegato a un minor rischio di malattie cardiovascolari, ma la sua associazione con la morte prematura non era chiara", ha affermato Marta Guasch-Ferré, ricercatrice senior presso il Dipartimento di nutrizione della Harvard Chan School. "I nostri risultati confermano le attuali raccomandazioni dietetiche per sostituire i grassi animali con oli vegetali per la prevenzione delle malattie croniche e della morte prematura".

 I ricercatori hanno utilizzato i dati sanitari raccolti tra il 1990 e il 2018 per 60.582 donne che hanno partecipato allo studio sulla salute degli infermieri e 31.801 uomini allo studio di follow-up dei professionisti della salute. Tutti i partecipanti erano liberi da malattie cardiovascolari o cancro all'inizio dello studio e compilavano questionari dietetici ogni quattro anni. Durante il periodo dello studio sono morte 36.856 persone.

 Ai partecipanti è stato chiesto con quale frequenza usassero l'olio d'oliva nei condimenti per l'insalata, aggiunto al cibo o al pane, oppure nella cottura al forno o nella frittura. Secondo i risultati, le persone nella categoria più alta di consumo di olio d'oliva (più di sette grammi al giorno) avevano il 19% in meno di rischio di mortalità totale e per malattie cardiovascolari, il 17% in meno di rischio di mortalità per cancro, il 29% in meno di rischio di mortalità neurodegenerativa, e il 18% in meno di rischio di mortalità respiratoria, rispetto a coloro che non hanno mai o raramente consumato olio d'oliva. L'uso dell'olio d'oliva era anche associato a un minor rischio di mortalità totale e per causa specifica rispetto a margarina, burro, maionese e grasso di latte.

"I medici dovrebbero consigliare ai pazienti di sostituire alcuni grassi, come margarina e burro, con olio d'oliva per migliorare la loro salute", ha affermato Guasch-Ferré. "Il nostro studio aiuta a formulare raccomandazioni specifiche che saranno facili da comprendere per i pazienti e, si spera, implementare nelle loro diete".

a Harvard Gazette è il sito di informazione ufficiale dell'Università di Harvard

Precedentemente una pubblicazione cartacea, ora è un sito web. Mette in evidenza l'innovazione e la scoperta nell'insegnamento, nell'apprendimento e nella ricerca. Iniziato nel 1906, era originariamente un calendario settimanale di notizie ed eventi. Nel 1968 è diventato un giornale.