Alimentazione e sviluppo della demenza

Secondo una recente ricerca, uno stile di vita sano riduce le possibilità di sviluppare una demenza anche nelle persone che presentano un rischio genetico elevato; sembra infatti che una giusta alimentazione può aiutare a ridurre il rischio di demenza.

"In un certo senso sembra appurato che ciò che è buono per il cuore sembra essere buono per la testa", afferma David Llewellyn dell'Università di Exeter. "Questi dati sembrano ridurre di molto il rischio di demenza a prescindere dal patrimonio genetico."

La nuova ricerca dovrebbe incoraggiare le persone a non essere fataliste sul proprio futuro se hanno, diciamo, una storia familiare di demenza. "Quando si consiglia alle persone di vivere in modo sano per ridurre il rischio di demenza, alcuni pensano che comunque svilupperanno la demenza a causa del loro patrimonio genetico", afferma Llewellyn.

Studio su rischio genetico ed alimentazione

In questa ricerca, sono state coinvolte circa 196.000 persone di età pari o superiore a 60 anni con dati genetici prelevati nella Biobank britannica ( Biobank è una banca di dati biologici a lungo termine del Regno Unito) che serve a studiare i rispettivi contributi della predisposizione genetica e dell'esposizione ambientale allo sviluppo delle malattie. Questi individui sono stati seguiti per otto anni, durante i quali circa 1769 hanno sviluppato una demenza. I ricercatori hanno raggruppato le persone in tre livelli di rischio genetico per la demenza - basso, intermedio e alto - usando precedenti lavori sulle associazioni tra varianti genetiche e morbo di Alzheimer, il più frequente tipo di demenza.

Gli stili di vita delle persone venivano classificati come favorevoli, intermedi e sfavorevoli. Gli individui considerati seguire uno stile di vita favorevole erano quelli che non fumavano, facevano esercizio fisico per più di 150 minuti a settimana, non consumavano più di un drink al giorno per le donne e due per gli uomini e mangiavano almeno quattro dei sette prodotti alimentari tra cui frutta, verdura e cereali integrali .
Llewellyn e i suoi colleghi hanno scoperto che le persone con un alto rischio genetico di demenza avevano una probabilità inferiore del 32% di sviluppare la condizione se mantenevano uno stile di vita "favorevole" rispetto a uno "sfavorevole".
Non vi è alcuna garanzia che mangiare più verdure e bere meno birra o alcol scongiuri la demenza. Ma in termini di probabilità, la combinazione di alto rischio genetico e stile di vita scadente ha un effetto negativo, afferma Llewellyn. "Le persone sfortunate dal punto di vista genetico e con uno stile di vita sfavorevole avevano quasi tre volte più probabilità di sviluppare demenza [rispetto a quelle con un basso rischio genetico e una vita sana]".

Alimentazione sana

Lo studio integra i consigli forniti dall'Organizzazione mondiale della sanità pubblicati a maggio, che esortano le persone a fare esercizio fisico regolarmente, ad una alimentazione sana ed ad evitare di fumare per ridurre il rischio di demenza.
I ricercatori ammettono nel corso dello studio alcuni casi di demenza possano essere stati trascurati . David Curtis dell'University College di Londra, non coinvolto nella ricerca, afferma che, poiché lo studio ha preso in considerazione solo casi di demenza diagnosticati attraverso ricoveri e decessi in ospedale, è possibile che potrebbero esserci ancora molte persone fisicamente sane che vanno in giro con una iniziale demenza e che non sono arrivati all’attenzione dei servizi pubblici.
Un'altra grande limitazione riguarda i risultati che sembrano validi solo per individui di razza bianca, a causa della dipendenza dello studio da precedenti ricerche genetiche basate esclusivamente su una popolazione bianca.

 Bibliografia JAMA, DOI: 10.1001 / jama.2019.9879