Come dovrebbe essere l’ospedale del futuro

Superata la fase acuta della pandemia sarebbe opportuno cercare di confrontare la mortalità tra gli anziani che hanno vissuto la loro malattia a casa e quelli che invece sono stati ricoverati. E' probabile che vedremmo che la assistenza territoriale rappresenta la risposta migliore per affrontare una prossima pandemia. Inoltre potremmo appurare che progettare  gli ospedali a misura di uomo potrebbe diminuire di molto la mortalità ospedaliera. Questo articolo scritto da un medico è molto stimolante.

Come medico specialista che lavora su turni di 30 ore, ho subito apprezzato quei rari momenti in cui potevo fuggire via dai corridoi vivaci e luminosi dell'ospedale e appoggiare la testa su un cuscino nella mia camera di reperibilità.

 Certo, spesso ci si trovava in una sala sterile con un materasso duro e una stufa rumorosa.  Mentirei se non confessassi, che contavo i secondi prima che suonasse un allarme per avvisarmi che un paziente poteva essere caduto dal letto o un farmaco in flebo finito fuori vena, o un allarme qualsiasi in cerca di un dottore (per favore, non io!)

 Ma per quanto possa essere difficile per i medici riposare in ospedale, è infinitamente più difficile per i pazienti.

 Lo vedo ogni volta che arranco dalla mia camera di reperibilità alla stanza di un paziente.  Passo in punta di piedi oltre il letto A e raggiungo il letto B, dove un paziente potrebbe gemere per il dolore o tossire in modo incontrollabile.  Il paziente non è l'unico a soffrire: il suo compagno di stanza, tipicamente separato da una tenda fragile, non riesce a chiudere occhio per tutta la notte.

 Come medico, sono colpito ogni giorno e mi chiedo perché non si possano progettare ospedali migliori? Gli ospedali sono tra le strutture più costose da costruire, con infrastrutture, tecnologie, normative e codici di sicurezza complessi.  Ma le prove suggeriscono che li abbiamo costruiti tutti in modo sbagliato e che le carenze non sono semplicemente antiestetiche o scomode.  Tutti questi difetti di progettazione potrebbero essere nocivi.

 Non è un segreto che le infezioni contratte in ospedale contribuiscono enormemente alla malattia e alla morte, colpendo fino al 30% dei pazienti in unità di terapia intensiva.  Molto probabilmente ospitare insieme i pazienti aggrava il problema.  La ricerca suggerisce che le stanze private possono ridurre il rischio sia di infezioni trasmesse per via aerea che di quelle trasmesse toccando superfici contaminate.  Uno studio ha riportato che il passaggio dalle stanze condivise a quelle private ha dimezzato le infezioni batteriche e ridotto del 10% il tempo di ricovero dei pazienti.  Altri lavori suggeriscono che l'aumento del costo delle camere singole è più che compensato dai soldi risparmiati grazie al minor numero di infezioni.  L'installazione di superfici più facili da pulire, lavelli ben posizionati e filtri dell'aria di alta qualità possono ridurre ulteriormente i tassi di infezione.

 Le cadute in ospedale sono un altro grave problema, che comportano lesioni gravi, degenze ospedaliere più lunghe e costi significativi.  Cercare di navigare nello spazio non familiare di una stanza d'ospedale, spesso disorientato dal dolore e dai farmaci, rende molti pazienti suscettibili alle cadute.  Diversi fattori di progettazione contribuiscono: aree scarsamente illuminate, pavimenti scivolosi, servizi igienici troppo alti o troppo bassi.  Anche la rapidità con cui i membri del personale possono raggiungere i pazienti fa la differenza.  Ad esempio, postazioni infermieristiche decentralizzate più vicine alle stanze dei pazienti e che consentono agli infermieri di vedere direttamente i letti possono ridurre il rischio di cadute e lesioni.

 C'è anche molto che possiamo fare per migliorare l'esperienza del paziente, che, ovviamente, è indissolubilmente legata al modo in cui i pazienti riposano e si riprendono.  La privacy rimane una sfida negli ospedali, nonostante leggi come l'Health Insurance Portability and Accountability Act, una legge federale nota come Hipaa intesa a proteggere la privacy dei pazienti.  Come medici, ci viene insegnato a non parlare dei pazienti negli ascensori, ma discutiamo regolarmente della loro storia sessuale o dei problemi di droga nelle stanze mentre uno sconosciuto dall'altra parte di una tenda può sentire ogni parola.  La ricerca ha scoperto che quasi tutti i medici violano la riservatezza in questo modo e che i pazienti negli spazi con tende hanno maggiori probabilità di nascondere e non riferire parti della loro storia medica o rifiutare parti dell'esame fisico.

 E poi c'è il problema del rumore.  Il livello medio di rumore negli ospedali supera di gran lunga le raccomandazioni basate sulle linee guida, rendendo difficile per i pazienti dormire. Ridurre l'esposizione al rumore, attraverso tappi per le orecchie, pannelli acustici fonoassorbenti, conversazioni più silenziose del personale e meno allarmi inutili, può migliorare la qualità del sonno dei pazienti.

 Alcune delle ricerche più interessanti sul modo in cui sono costruiti gli ospedali esaminano il ruolo della natura nel promuovere la guarigione.  La ricerca introdotta da Roger Ulrich, ora professore di architettura presso il Center for Healthcare Building Research presso la Chalmers University of Technology in Svezia, suggerisce che quando si tratta di riprendersi da una malattia, più natura abbiamo intorno, meglio è.  Ma troppo spesso pazienti e medici si ritrovano rinchiusi in stanze buie e corridoi sterili con scarso accesso alla luce naturale o alla vista della natura: troppo cemento, non abbastanza giungla.

 I primi lavori del dottor Ulrich hanno esplorato il modo in cui i pazienti si sono ripresi dopo un intervento chirurgico alla cistifellea in base al fatto che fossero assegnati a una stanza con una finestra che aveva una vista sulla natura o di un muro di mattoni. Lo studio, ora uno dei più citati nella letteratura di progettazione ospedaliera, ha rilevato che i pazienti che guardavano gli alberi avevano degenze ospedaliere più brevi e assumevano meno farmaci per il dolore rispetto a quelli che osservavano un muro di mattoni.

 Il dottor Ulrich ha detto che l'idea per lo studio è nata dalla sua esperienza personale con la malattia.  "Da adolescente, ho avuto alcune malattie gravi che mi hanno costretto a passare del tempo a casa a letto", mi ha detto.  “La mia finestra era la mia bussola di stabilità.  Ogni giorno guardavo gli alberi al vento.  C'era qualcosa di infinitamente calmante in questo ".

 Ricerche simili hanno scoperto che i pazienti con disturbo bipolare che vengono assegnati in modo casuale a stanze più luminose, esposte a est con luce solare mattutina hanno avuto ricoveri ospedalieri di quasi quattro giorni più brevi rispetto a quelli con stanze rivolte a ovest.  Anche solo le immagini della natura possono essere utili.  Uno studio ha scoperto che i pazienti psichiatrici tendono a richiedere molti meno farmaci per l'ansia e l'agitazione quando le foto di paesaggi sono appese alle pareti dell'ospedale rispetto alle pareti adornate con arte astratta o lasciate nude.  E le persone che guardano video della natura sembrano avere una maggiore tolleranza per il dolore, emozioni più positive e battiti cardiaci e pressione sanguigna più bassi.

 "Gli ospedali possono essere pericolosi e spiacevoli", ha detto il dottor Ulrich.  "Ma possiamo fare molto per mantenere i pazienti al sicuro e aiutarli a riprendersi".

 La ricerca sostiene l'urgente necessità di cambiare il modo in cui costruiamo, manteniamo e lavoriamo negli ospedali e molte strutture potrebbero fare di più per promuovere il riposo e la guarigione prevenendo lo stress e le infezioni.  È chiaro che l'assistenza medica basata sull'evidenza richiederà una progettazione ospedaliera basata sull'evidenza.