Quanto può essere pericolosa l'epidemia da coronavirus?

 Cominciamo ad individuare i 6 fattori chiave

Mentre l'epidemia di coronavirus continua a diffondersi in tutta la Cina, una raffica di prime ricerche sta disegnando un quadro più chiaro di come si comporta l'agente patogeno e dei fattori chiave che determineranno se il virus potrà essere contenuto.

Quanto è contagioso il virus?

 Sembra moderatamente contagioso, simile alla SARS.

Quanto è mortale il virus?

È ancora difficile da sapere. Ma il tasso di mortalità è probabilmente inferiore al 3 percento, molto inferiore alla SARS.

Quanto tempo ci vuole per mostrare i primi sintomi?

Forse tra 2 e 14 giorni, periodo durante il quale la malattia non può essere rilevata.

Quanto hanno viaggiato le persone infette?

Il virus si è diffuso rapidamente perché è iniziato in un hub (aeroporto che, in un dato paese, raccoglie la maggior parte del traffico.) di transito passeggeri.

Quanto sarà efficace la risposta?

The W.H.O. (Organizzazione mondiale della sanità) ha elogiato gli sforzi della Cina, ma i critici temono che le misure di blocco potrebbero non essere sufficienti.

Quanto tempo ci vorrà per sviluppare un vaccino?

Un vaccino è ancora lontano un anno - almeno.

Mentre il virus è una grave preoccupazione per la salute pubblica, il rischio per la maggior parte delle persone al di fuori della Cina rimane molto basso e l'influenza stagionale è una minaccia più immediata. Per evitare qualsiasi malattia virale, gli esperti consigliano di lavarsi le mani frequentemente ed evitare di andare al lavoro o a scuola quando si è malati. Secondo gli esperti la maggior parte delle persone sane non ha bisogno di maschere e l'utilizzo improprio di queste può contribuire alla carenza delle stesse per gli operatori sanitari che ne hanno bisogno.

Quanto è contagioso il virus?

Sembra moderatamente contagioso, simile alla SARS.

La scala di un focolaio dipende dalla velocità e dalla facilità con cui un virus viene trasmesso da persona a persona. Mentre la ricerca è appena iniziata, gli scienziati hanno stimato che ogni persona con il nuovo coronavirus potrebbe infettare tra 1,5 e 3,5 persone senza efficaci misure di contenimento.

Ciò renderebbe il virus più o meno contagioso come la SARS, un altro coronavirus che è circolato in Cina nel 2003 ed è stato contenuto dopo aver colpito 8.098 persone e ucciso 774. Virus respiratori come questi possono viaggiare nell'aria, avvolti in minuscole goccioline che vengono prodotte quando un malato respira, parla, tossisce o starnutisce.

Queste goccioline cadono a terra in pochi metri. Ciò rende più difficile il contagio con questo virus rispetto ai patogeni come il morbillo, la varicella e la tubercolosi, che possono spostarsi di trenta metri nell'aria. Ma il contagio è più facile rispetto al virus di H.I.V. o epatite, che si diffonde solo attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei di una persona infetta.

 Fino a che punto viaggiano i virus

I coronavirus possono viaggiare a circa 2 m dalla persona infetta. Non è noto per quanto tempo sopravvivono sulle superfici.

Alcuni altri virus, come il morbillo, possono sopravvivere sino a 30 m e rimanere in vita sulle superfici per ore.

Se ogni persona infetta dal nuovo coronavirus ne infetta da due a tre, ciò potrebbe essere sufficiente per sostenere e accelerare un focolaio, se non viene fatto nulla per ridurlo.

Ecco come funziona. Nella ipotesi di seguito, un gruppo di cinque persone infette potrebbe diffondere il virus a circa 368 persone in soli cinque cicli di infezione.

Se 5 persone con nuovo coronavirus hanno contagiato 2.6 altri individui potrebbero esserci 140 persone malate dopo 4 cicli.

Confrontiamolo con un virus meno contagioso, come l'influenza stagionale. Le persone con influenza tendono a infettare 1,3 altri individui, in media. La differenza può sembrare piccola, ma il risultato è un notevole contrasto: solo circa 45 persone potrebbero essere infettate nello stesso scenario.

Se 5 persone con influenza stagionale contagiassero 1.3 altre potrebbero esserci 31 persone malate dopo 4 cicli. Ma i numeri di trasmissione di qualsiasi malattia non sono necessariamente fissi. E possono essere ridotti mediante efficaci misure di sanità pubblica, come l'isolamento dei malati e il monitoraggio delle persone con cui hanno avuto contatti. Quando le autorità sanitarie globali hanno rintracciato metodicamente e isolato le persone infette da SARS nel 2003, sono state in grado di portare a 0,4 il numero medio di persone malate infette, abbastanza da fermare l'epidemia.

Le autorità sanitarie di tutto il mondo stanno facendo enormi sforzi nel tentativo di ripetere tale risultato. Finora il numero di casi al di fuori della Cina è stato limitato. Ma nei giorni scorsi sono comparsi casi in diversi paesi, tra cui gli Stati Uniti, con persone che non hanno visitato la Cina. E il numero di casi in Cina ha superato di gran lunga il tasso di nuovi casi di SARS nel 2003.

Note: il conteggio dei casi ufficiali dell'Organizzazione mondiale della sanità per la SARS è stato ritardato all'inizio dell'epidemia. Alcuni casi sono stati sospettati ma non confermati;

La SARS è una diagnosi di esclusione, quindi i casi precedentemente segnalati potrebbero essere stati scartati dopo ulteriori indagini.

Quanto è mortale il virus?

È ancora difficile da sapere. Ma il tasso di mortalità è probabilmente meno del 3 percento, molto meno della SARS (acronimo di Severe acute respiratory syndrome o sindrome respiratoria acuta grave (o "severa"), è una forma atipica di polmonite apparsa per la prima volta nel novembre 2002 nella provincia del Guangdong (Canton) in Cina).

Questo è uno dei fattori più importanti per valutare quanto sarà dannosa l'epidemia e uno dei meno compresi.

È difficile valutare la mortalità di un nuovo virus. I casi peggiori vengono di solito rilevati per primi, il che può distorcere la nostra comprensione della probabilità che i pazienti muoiano. Circa un terzo dei primi 41 pazienti segnalati a Wuhan ha dovuto essere trattato in un I.C.U. (reparti di terapie intensive), molti con sintomi di febbre, tosse grave, respiro corto e polmonite. Ma le persone con casi lievi potrebbero non visitare mai un medico. Quindi potrebbero esserci più casi di quelli che conosciamo e il tasso di mortalità potrebbe essere inferiore a quanto inizialmente pensato.

Allo stesso tempo, i decessi per virus potrebbero essere sottostimati. Le città cinesi al centro dell'epidemia sono carenti di kit di test e letti d'ospedale e molti malati non sono stati in grado di consultare un medico.

"C'è ancora molta incertezza su come sia questo virus e cosa stia facendo", ha dichiarato la dott.ssa Allison McGeer, specialista in malattie infettive al Mount Sinai Hospital di Toronto, che era in prima linea nella risposta canadese alla SARS.

Le prime indicazioni suggeriscono che il tasso di mortalità per questo virus è considerevolmente inferiore rispetto a un altro coronavirus, il MERS, che uccise circa il 35 percento delle persone infette, e la SARS, che uccise circa il 10 percento. Tutte questi agenti patogeni sembrano aderire alle proteine ​​sulla superficie delle cellule polmonari, ma MERS (La MERS (dall'inglese Middle East Respiratory Syndrome) o sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus è una patologia causata dal coronavirus MERS-CoV.) e SARS sembrano essere più distruttivi per il tessuto polmonare.

Tra le 17.000 persone che sono state infettate in Cina, l'82% ha avuto infezioni lievi, il 15% ha avuto sintomi gravi e il 3% è stato classificato come critico, ha dichiarato la dott.ssa Maria Van Kerkhove, responsabile delle malattie emergenti presso l'Organizzazione mondiale della sanità. Il 7 febbraio meno del 2% delle persone con infezioni confermate era morto. Molti di coloro che sono morti erano uomini più anziani con problemi di salute di base, ha affermato il dott. Van Kerkhove.

Gli agenti patogeni possono ancora essere molto pericolosi anche se il loro tasso di mortalità è basso, ha detto la dott.ssa McGeer. Ad esempio, anche se l'influenza ha un tasso di mortalità inferiore a uno su 1.000, circa 200.000 persone finiscono in ospedale con il virus ogni anno negli Stati Uniti e circa 35.000 persone muoiono.

 Quanto tempo ci vuole per mostrare i sintomi?

 Forse tra 2 e 14 giorni, periodo durante il quale la malattia non può essere rilevata.

Il tempo necessario affinché compaiano i primi sintomi, dopo che una persona è stata infettata, può essere vitale per la prevenzione e il controllo. Conosciuto come periodo di incubazione, questo può consentire ai funzionari della sanità di mettere in quarantena o osservare le persone che potrebbero essere state esposte al virus. Ma se il periodo di incubazione è troppo lungo o troppo breve, queste misure potrebbero essere difficili da attuare.

 Alcune malattie, come l'influenza, hanno un breve periodo di incubazione di due o tre giorni. Le persone possono rilasciare particelle di virus infettivo prima di manifestare sintomi influenzali, rendendo quasi impossibile identificare e isolare le persone che hanno il virus. La SARS, tuttavia, ha avuto un periodo di incubazione di circa cinque giorni. Inoltre, ci sono voluti quattro o cinque giorni dopo l'inizio dei sintomi prima che i malati potessero trasmettere il virus. Ciò ha dato ai funzionari il tempo di fermare il virus e contenere efficacemente l'epidemia, ha affermato la dott.ssa McGeer.

I funzionari dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie negli USA) stimano che il nuovo coronavirus abbia un periodo di incubazione da 2 a 14 giorni. Ma non è ancora chiaro se una persona possa diffondere il virus prima che si manifestino i sintomi o se la gravità della malattia influenzi la facilità con cui un paziente può diffondere il virus.

"Questo mi preoccupa perché significa che l'infezione potrebbe eludere il rilevamento", ha affermato il dott. Mark Denison, esperto di malattie infettive alla Vanderbilt University di Nashville, Tenn.

 Quanto hanno viaggiato le persone infette?

Il virus si diffuse rapidamente perché è iniziato in un hub ( aeroporto che, in un dato paese, raccoglie la maggior parte del traffico.) di transito passeggeri.

La città di Wuhan è un posto difficile per contenere un focolaio. Ha 11 milioni di persone, più di New York City. In un giorno medio, 3.500 passeggeri effettuano voli diretti da Wuhan verso città di altri paesi. Queste città sono state tra le prime a segnalare casi di virus al di fuori della Cina.

 Wuhan è anche un importante snodo di trasporti all'interno della Cina, collegato a Pechino, Shanghai e altre città importanti da ferrovie ad alta velocità e compagnie aeree nazionali. In ottobre e novembre dello scorso anno, quasi due milioni di persone hanno volato da Wuhan verso altre località della Cina.

La Cina non era altrettanto ben collegata nel 2003 durante l'epidemia di SARS. Un gran numero di lavoratori migranti ora viaggia a livello nazionale e internazionale - verso l'Africa, altre parti dell'Asia e dell'America Latina, dove la Cina sta favorendo un'enorme sostegno infrastrutturale con la sua Belt and Road Initiative. Questo viaggio crea un alto rischio di epidemie in paesi con sistemi sanitari che non sono attrezzati per gestirli, come lo Zimbabwe, che sta affrontando un peggioramento della fame e una crisi economica.

Soprattutto, la Cina ha circa quattro volte più passeggeri del treno e del trasporto aereo rispetto allo scoppio della SARS:

Attualmente quattro miliardi di viaggiatori. Il traffico passeggeri è quadruplicato, aprendo più vie di diffusione per l'infezione.

Quando scoppiò la SARS, c'erano circa 1 miliardo di viaggiatori.

Nota: i dati sui viaggi aerei comprendono i passeggeri solo sulle compagnie aeree cinesi.

La Cina ha fatto il passo senza precedenti di imporre restrizioni di viaggio a decine di milioni di persone che vivono a Wuhan e nelle città vicine. Ma gli esperti hanno avvertito che il blocco potrebbe essere arrivato troppo tardi con un l'accesso limitato a cibo e medicine. Il sindaco di Wuhan ha riconosciuto che cinque milioni di persone avevano lasciato la città prima dell'inizio delle restrizioni, in vista del capodanno lunare.

Quanto sarà efficace la risposta?

The W.H.O. ha elogiato gli sforzi della Cina, ma i critici temono che le misure di blocco potrebbero non essere sufficienti.

Oltre a chiudere i trasporti, i funzionari hanno chiuso un mercato a Wuhan che vendeva pollame vivo, frutti di mare e animali selvatici, che si pensava fosse l'origine del coronavirus, e in seguito ha sospeso il commercio di animali selvatici a livello nazionale. Le scuole sono state chiuse, la Grande Muraglia di Pechino è vietata e i pacchetti turistici dalla Cina sono stati fermati. I funzionari dell'Organizzazione mondiale della sanità hanno elogiato la risposta aggressiva della Cina al virus.

 Ma le misure hanno avuto anche effetti indesiderati. I residenti a Wuhan che si sentono male devono camminare o andare in bicicletta per chilometri per raggiungere gli ospedali. In queste aree molti si lamentano del fatto che vengono respinti a causa della carenza di letti, personale e forniture ospedaliere che sono stati aggravati dal blocco.

Fino a poco tempo fa, i ricercatori all'estero erano anche preoccupati del fatto che la Cina non ammettesse esperti che potevano aiutare a rintracciare il virus e prevenirne la diffusione. Giovedì, il W.H.O. ha dichiarato l'epidemia un'emergenza sanitaria globale, riconoscendo che la malattia rappresenta un rischio oltre la Cina.

Gli Stati Uniti e l'Australia stanno temporaneamente negando l'ingresso ai non cittadini che hanno recentemente viaggiato in Cina, e diverse grandi compagnie aeree hanno dichiarato di aspettarsi di interrompere il servizio diretto per la Cina continentale per mesi. Altri paesi, tra cui Kazakistan, Russia e Vietnam, hanno temporaneamente limitato i viaggi e i visti. Ma i critici temono che queste misure non saranno sufficienti.

Quanto tempo ci vorrà per sviluppare un vaccino?

Un vaccino è ancora lontano un anno - almeno.

Un vaccino contro il coronavirus potrebbe prevenire le infezioni e fermare la diffusione della malattia. Ma i vaccini richiedono tempo.

Dopo l'epidemia di SARS nel 2003, i ricercatori hanno impiegato circa 20 mesi per preparare un vaccino per i test sull'uomo. (Il vaccino non è mai stato necessario, perché alla fine la malattia è stata contenuta.) Con l'epidemia di Zika del 2015, i ricercatori avevano ridotto la cronologia di sviluppo del vaccino a sei mesi.

Ora, sperano che il lavoro delle epidemie passate contribuirà a ridurre ulteriormente i tempi. I ricercatori hanno già studiato il genoma del nuovo coronavirus e hanno scoperto le proteine ​​che sono cruciali per l'infezione. Gli scienziati del National Institutes of Health, in Australia e almeno tre società stanno lavorando su possibili vaccini.

Se non incontriamo ostacoli imprevisti, saremo in grado di avviare una sperimentazione di fase 1 entro i prossimi tre mesi", ha dichiarato il dott. Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive.

Il dottor Fauci ha avvertito che potrebbero volerci ancora mesi e persino anni, dopo prove iniziali per condurre test approfonditi che possano dimostrare che un vaccino è sicuro ed efficace. Nel migliore dei casi, un vaccino potrebbe diventare disponibile al pubblico tra un anno.

How Bad Will the Coronavirus Outbreak Get? Here Are 6 Key Factors

By Knvul Sheikh, Derek Watkins, Jin Wu and Mika Gröndahl Updated Feb. 7, 2020

New York Times