Alcuni pratici consigli per combattere l'influenza

Questo articolo uscito sul New York Times in questi giorni ci e’ sembrato utile per seguire alcuni semplici consigli per affrontare l’influenza attuale.

Secondo i dati internazionali il vaccino antinfluenzale attuale sembra non non risultare perfettamente  mirato sul virus: in Australia, dove la stagione influenzale arriva prima, si stima che la sua efficacia sia solo del 10% .
Anche nel nostro paese gli  ospedali hanno segnalato che i servizi di emergenza sono sovraffollati e le farmacie stanno riscontrando carenze nei farmaci normalmente utilizzati contro l'influenza. E siamo nel pieno della stagione influenzale , che non si concluderà prima di maggio.

Cosa conviene fare?


I pazienti vulnerabili con un sistema immunitario indebolito dovrebbero consultare il loro medico, così come chiunque inizi ad avere disturbi respiratori o individui altrimenti sani che presentano febbre o dolori diffusi.Secondo molti medici la strategia migliore è  spiegare come il virus attacca il nostro organismo per cercare di ricorrere ad alcuni rimedi naturali.

Il virus influenzale viene diffuso prevalentemente dalle goccioline nell'aria. Quindi se una persona è  a meno di 90 o 180 cm  da qualcuno che è infetto, è probabile che  possa respirare eventuali esalazioni contagiose. Il virus si aggancia quindi alle mucose che rivestono la parte posteriore del naso, della gola e dei bronchi. Successivamente, i virus invasori utilizzando le cellule epiteliali delle membrane mucose, attivano la loro  moltiplicazione,  infettando le cellule adiacenti.
Questa fase iniziale dura da uno a quattro giorni. "Più profondo è  il respiro, più breve è il periodo di incubazione", ha detto il dottor William Schaffner, uno specialista in malattie infettive presso la Vanderbilt University School of Medicine di Nashville. "Inizialmente possono non esserci disturbi e spesso ignoriamo di aver contratto il virus.”

Mentre il virus invade le vie respiratorie, il nostro organismo inizia a percepire che qualcosa non funziona e  attiva il sistema immunitario con  una risposta infiammatoria, rilasciando proteine ​​chiamate interferoni - che  interferiscono con i virus  invasori . Gli interferoni attraverso  il flusso sanguigno  invadono le cellule mucose producendo altre  proteine ​​chiamate citochine per aumentare la risposta immunitaria. Queste  proteine  circolano per tutto il corpo, pronti a combattere l’infezione.
"Paradossalmente, queste stesse proteine attivate per difenderci sono quelle che provocano i sintomi della malattia", ha detto il dottor Schaffner.

"La battaglia tra sistema immunitario e virus provoca alcuni  effetti dannosi e compaiono febbre , mal di testa e dolori muscolari", questi sintomi  rappresentano  l'inizio vero e proprio dell'influenza. Questi primi sintomi sono di solito ciò che distingue l'influenza da un semplice raffreddore.

Il dolore e la febbre indicano che è necessario iniziare a bere molti liquidi. La comparsa  di febbre  tende a provocare una grave disidratazione . Spesso la  urina diviene più scura e concentrata e si tende ad urinare di meno. Per tale motivo i medici consigliano di bere una tazza di acqua o altro liquido ogni ora, evitando bevande alcoliche e quelle  contenenti caffeina.

Bere liquidi diminuisce il mal di testa e rafforza anche la risposta immunitaria perché le sostanze proteiche attivate dal sistema immunitario vengono trasportate attraverso liquidi corporei. Uno stato di disidratazione ostacola il loro movimento. È una delle ragioni per cui le persone tendono a preferire una  zuppa o un brodino quando sono malate e possono desiderare frutti acquosi come agrumi e melone.
Mentre ci si sente “uno straccio”, la vera battaglia avviene nel tratto respiratorio dove il virus è localizzato. Finita la fase acuta ovvero non ci si sente più, dolorante e febbrile, si ha  un'infiammazione residua in gola, nel naso e nei bronchi. Le  cellule che rivestono le mucose ormai  danneggiate e “sono come piaghe che piangono,” ha detto il dott. Schaffner. Ecco perché il  naso è gocciolante e si inizia a starnutire e tossire per eliminare i detriti della infiammazione.
Detto questo, i farmaci da banco che sopprimono la tosse e  quelli che provocano una vasocostrizione del naso  non sono la terapia migliore.
"Certamente la terapia migliore per eliminare le cellule mucose infette e di non sopprimere troppo il meccanismo della tosse che serve a ripulire le prime vie respiratorie e permettere anche alle mucose nasali di eliminare i detriti.

Anche se si desidera riposare, rimanere sdraiati tutto il tempo può essere controproducente perché collassa i polmoni in modo da impedire di  tossire in modo efficiente, intrappolando i batteri nel tratto respiratorio. Se il virus distrugge un numero sufficiente di cellule bronchiali, crea un terreno fertile per i batteri che entrano nei polmoni, il che può provocare una polmonite, una complicazione dell'influenza potenzialmente letale.
Quando i  polmoni sono posizione verticale piuttosto che orizzontale, " è più facile respirare profondamente e liberamente e la posizione permette   di tossire ed espellere  qualsiasi materiale , anche i batteri microscopici,  presenti nei bronchi", ha detto il dott. Schaffner.

Simraccomanda alle persone che sono ospedalizzate o ad alto rischio di complicanze influenzali, come i pazienti più anziani, le donne incinte e i pazienti che sono altrimenti immunocompromessi, di assumere il farmaco antivirale oseltamivir, venduto con il marchio Tamiflu  poiché i dati osservazionali indicano che potrebbe ridurre la mortalità.
Altri ricercatori, compresi quelli della Cochrane Collaboration, non sono d'accordo , affermando che non ci sono prove sufficienti per sostenere l'assunzione di oseltamivir o del suo cugino chimico zanamivir (nome commerciale Relenza ). Infatti, l'Organizzazione Mondiale della Sanità lo scorso anno ha declassato oseltamivir dalla sua lista di farmaci essenziali.
Per le persone sane che vengono colpite dall'influenza, la maggior parte dei ricercatori consiglia, in base ai dati, di prendere l’ oseltamivir entro 48 ore dall'esordio per ridurre la durata del periodo infettivo. Ma in considerazione del costo del farmaco e della non provata efficacia molti medici lo sconsigliano dato che gli effetti collaterali includono nausea e vomito.

Gli esperti raccomandano in tutti i casi di effettuare la vaccinazione contro l'influenza a scopo profilattico perché in questo modo si riduce la gravità dell'infezione inoltre facilita quella che viene chiamata l'immunità del gregge. L'immunità di gregge ("herd immunity"), detta anche immunità di gruppo, in medicina è una forma di protezione indiretta che si verifica quando la vaccinazione di una parte significativa di una popolazione  finisce con il fornire una tutela anche agli individui che non hanno sviluppato direttamente l'immunità) cioè le persone vaccinate non trasmettono il virus e proteggono i non vaccinati a rischio come bambini o anziani..

In tutti i casi negli anni scorsi il vaccino antinfluenzale si è dimostrato valido nel prevenire l'influenza nel 40 - 60% dei casi  dei pazienti sottoposti a tale vaccinazione.

In sintesi per tutti coloro che prendono l'influenza si consiglia il riposo, la somministrazione di liquidi, evitare la posizione orizzontale se non la notte e respirare aria fresca e se possibile all'aria aperta. Queste sono i consigli migliori per facilitare una guarigione naturale e veloce.

Per quanto riguarda il problema del contagio si consiglia di evitare di vedere amici familiari e colleghi almeno per 48 ore dopo che la febbre è scomparsa.

Per concludere  prendendo alcuni accorgimenti e modificando temporaneamente lo stile di vita è possibile aiutare se stessi e proteggere gli altri dalla diffusione del virus dell'influenza.

https://www.nytimes.com/2018/01/12/well/live/flu-h3n2-virus-care-remedy.html?smprod=nytcore-ipad&smid=nytcore-ipad-share