Perché è importante avere un'alimentazione ricca di fibre

Una dieta ricca di cibi con  fibre, come frutta e verdura, riduce il rischio di sviluppare diabete, malattie cardiache e artrite. In effetti, l'evidenza dei benefici della fibra si estende anche per numerose  altre  patologie. Infatti  le persone che  mangiano più  fibre presentano tassi di mortalità minori rispetto a coloro che si alimentano con una dieta scarsa di verdura e frutta.
Ma mentre i benefici sono chiari, non è così evidente perché dal punto di vista scientifico la fibra sia così importante.

"È una domanda facile da porre e difficile da rispondere", ha dichiarato Fredrik Bäckhed, biologo all'Università di Göteborg in Svezia che con altri scienziati sta conducendo esperimenti per ricavare nuovi indizi sul ruolo delle fibre nella salute umana. La loro ricerca indica in verità che la fibra non fornisce i suoi benefici direttamente al nostro organismo ma sembra invece, che la fibra presente nei cibi serve a nutrire miliardi di batteri nel nostro intestino. Questa alimentazione fa sì che il nostro intestino e il sistema immunitario rimangano in buone condizioni.
Per digerire il cibo, il nostro organismo deve utilizzare gli enzimi necessari per digerire le molecole alimentari che poi  attraverso la parete dell'intestino  vengono assorbiti nel nostro organismo. Ma il nostro organismo produce una parte limitata di enzimi, per tale motivo non possiamo distruggere alcuni dei componenti  presenti nei vegetali. Il termine "fibra alimentare" si riferisce a queste molecole indigeste.
Il nostro intestino normalmente è rivestito da uno strato di muco, sul quale si trova un tappeto di centinaia di specie di batteri, che fanno parte parte del microbioma umano (microbioma è l'insieme delle interazioni tra il nostro patrimonio genetico con la totalità dei microrganismi  presenti nel nostro organismo ). Alcuni di questi microbi intestinali contengono gli enzimi necessari per digerire vari tipi di fibre alimentari. Molti esperti si chiedono se i microbi siano in qualche modo coinvolti nei benefici di una  dieta con frutta e verdura.

Due studi dettagliati pubblicati di recente sulla rivista Journal  Cell Host e Microbe forniscono prove convincenti a favore di questa ipotesi.
In un esperimento, Andrew T. Gewirtz della Georgia State University e colleghi hanno alimentato i topi con una dieta povera di fibre e ricca di grassi . Esaminando frammenti di DNA batterico nelle feci degli animali, gli scienziati sono stati in grado di stimare la dimensione della popolazione batterica intestinale presente in ogni  topo.
Con una dieta a basso contenuto di fibre, i ricercatori hanno trovato, che la popolazione batterica si è modificata, diminuendo di quasi dieci volte. Altri ricercatori hanno confermato questi dati concentrandosi sulla diversità delle specie che costituiscono il microbioma intestinale del topo. Alimentare gli animali con una dieta a basso contenuto di fibre ha avuto un effetto drammatico, molte specie comuni di batteri  sono diventate rare e specie rare sono diventate comuni. Insieme con le modifiche al microbioma, i ricercatori hanno anche osservato rapidi cambiamenti nei topi stessi. Il loro intestino è diventato più piccolo e il suo strato di muco più sottile. Di conseguenza, i batteri si sono avvicinati molto di più alla parete intestinale e tale invasione ha innescato una reazione immunitaria.
Dopo alcuni giorni di dieta a basso contenuto di fibre, l'intestino dei  topi ha sviluppato un'infiammazione cronica. Dopo alcune settimane, si è osservato che i topi  mettono su grasso e sviluppano livelli più alti di zucchero nel sangue.
Il dottor Bäckhed ei suoi colleghi hanno anche alimentato un altro gruppo di roditori con una alimentazione ad alto contenuto di grassi, insieme a una modesta dose di un tipo di fibra chiamata inulina. Lo strato di muco nelle loro intestino appariva più sano che nei topi che non si alimentavano con la fibra,  in questo modo i batteri intestinali si localizzavano a una distanza più sicura dalla parete intestinale.
Il dottor Gewirtz ed suoi colleghi hanno somministrato la inulina ai loro topi, ma a una dose molto più alta. I miglioramenti erano ancora più drammatici, nonostante una dieta ricca di grassi, i topi avevano una popolazione sana di batteri nell' intestino, ed assumevano meno peso.
Un modo in cui la fibra apporta benefici alla salute avviene indirettamente, infatti i batteri che si cibano di fibre eliminano i propri prodotti di scarto in forma di acidi grassi a catena corta che vengono assorbiti dalle cellule intestinali che li usano come fonte di energia.

Ma i microbi dell'intestino fanno molto di più che produrre energia. Mandano anche messaggi.
Le cellule intestinali per funzionare in modo normale si basano su segnali chimici inviati dai batteri ha detto il dottor Gewirtz. Le cellule rispondono ai segnali moltiplicandosi e producendo una adeguata quantità di muco ed inoltre rilasciano anche molecole capaci di uccidere i batteri.
Generando queste risposte, i batteri intestinali aiutano a mantenere una coesistenza pacifica con il sistema immunitario. Essi sono presenti  in cima allo strato di muco dell'intestino a una distanza di sicurezza dalla parete intestinale. Qualsiasi batterio che si muove  troppo vicino viene spazzato via dalle sostanze  antimicrobiche. Mentre alcune specie di batteri intestinali si nutrono direttamente di fibre alimentari, probabilmente supportano altre specie che si cibano dei loro rifiuti. Un certo numero di specie in questo ecosistema - il tutto alimentato dalle fibre - potrebbe interagire con il nostro sistema intestinale.
Alimentarsi con una dieta povera di fibre disturba questa interazione pacifica, suggeriscono i nuovi studi. Le specie di batteri che dipendono dalle fibre alimentari soffrono la fame, così come le altre specie che dipendono da loro. Alcune specie possono passare all'alimentazione del muco dell'ospite producendo meno energia conseguentemente, le cellule intestinali crescono più lentamente. E senza un flusso costante di segnali chimici dai batteri, le cellule rallentano la loro produzione sia di muco e sia di batteri.

Di conseguenza, i batteri si avvicinano alla parete intestinale attivando il sistema immunitario .
"L'intestino presenta un equilibrio delicato tra il tentativo di contenere questi organismi ed evitare  di reagire in modo eccessivo".  Eric C. Martens, un microbiologo dell'Università del Michigan  sostiene che questo equilibrio. "Potrebbe essere un punto di svolta tra salute e malattia".
L'infiammazione può aiutare a combattere le infezioni, ma se diventa cronica, può danneggiare il nostro corpo. Tra le altre cose, l'infiammazione cronica può interferire con il modo in cui il corpo utilizza le calorie del cibo, immagazzinandone una maggiore quantità come grasso anziché bruciarle per produrre energia.
Justin L. Sonnenburg, un biologo della Stanford University  ha affermato che una dieta povera di fibre può causare un'infiammazione di basso livello non solo nell'intestino, ma in tutto il corpo.
La sua ricerca suggerisce che quando i batteri trasformano la fibra alimentare in acidi grassi a catena corta, alcuni di essi passano nel flusso sanguigno raggiungendo altri organi, dove agiscono come segnali per calmare il sistema immunitario.
Secondo il dottor Sonnenburg " è possibile influenzare un quadro infiammatorio a livello polmonare  in base a come stai alimentando il tuo microbioma  intestinale".
Alcuni scienziati affermano che i risultati sui topi devono essere messi alla prova negli esseri umani. Ma è molto più difficile condurre questi studi sulle persone.
Per tale motivo nel suo laboratorio, la dottoressa Holscher funge da chef personale 24 ore su 24 per lei i e i suoi colleghi  che come volontari  vengono alimentati per due settimane con una fonte extra di fibre - come le noci - per  cercare cambiamenti nel loro microbioma e nei loro livelli di infiammazione.
La dottoressa Holscher e altri ricercatori sperano di apprendere abbastanza su come la fibra influenza il microbioma per usarlo come un modo per curare vari disturbi. Abbassare l'infiammazione con le fibre può anche aiutare nel trattamento dei disturbi immunitari come le malattie infiammatorie intestinali.
Le fibre possono, anche aiutare a combattere l'obesità. Il mese scorso, sull'American Journal of Clinical Nutrition, la dott.ssa Holscher e i suoi colleghi hanno presentato una serie di ricerche in cui la fibre erano usate per trattare l'obesità. Hanno scoperto che gli integratori di fibre aiutavano le persone obese a perdere in media circa 2,5 kg .
Ma per coloro che vogliono restare in salute, aggiungere semplicemente un tipo di fibra a una tipica dieta occidentale non rappresenterà un rimedio universale. Infatti  quando ai topi è stata somministrata la sola inulina  si è osservato un parziale miglioramento nella salute .

Questo è probabilmente vero perché dipendiamo da diversi tipi di fibra alimentare che otteniamo dalle piante. È possibile che ogni tipo di fibra alimenti una particolare serie di batteri, che inviano i loro segnali importanti al nostro organismo.
" Mangiare più verdure verdi e meno patatine e dolci, probabilmente comporta mantenere una migliore salute per molto più tempo."

Articoli consigliati