Farmaci da banco per tumori parte 2

Martedì 27 Giugno 2017 12:44

Seconda parte

Con questo articolo vorremmo affrontare una serie di problematiche  delicate, legate all’oncologia, che riguardano il ricorso alle terapie complementari, la sostenibilità delle terapie oncologiche, e non ultimo l’efficacia di nuove modalità terapeutiche a bassa tossicità sopratutto, ma non solo, per pazienti anziani che frequentemente iniziano una terapia con chemioterapici e spesso la interrompono per effetti collaterali. L’utilizzo di farmaci off-label  riguarda molecole già note e utilizzate da tempo e per le quali determinate evidenze scientifiche suggerirebbero un uso razionale anche in situazioni cliniche non previste dalla scheda tecnica e nel foglietto illustrativo di queste sostanze.

 

Eppure, nonostante l'entusiasmo che circonda questi farmaci, l'allestimento di studi clinici è un processo lungo e difficile. A differenza della talidomide, le cui proprietà anti-cancro sono state individuate velocemente da ricercatori dotati di contatti clinici, molti di questi farmaci sono stati in gran parte ignorati, nonostante la sperimentazione umana preliminare avesse dato risultati incoraggianti.


Perchè è avvenuto questo? Teoricamente le aziende farmaceutiche dovrebbero essere interessate di fronte alla prospettiva di un, farmaco efficace e di bassa tossicità contro il cancro - soprattutto considerando che il numero di nuovi casi di cancro tenderà ad aumentare del 70% a livello mondiale nei prossimi due decenni. Nel solo Regno Unito, il numero di persone che vivono con il cancro si prevede salirà a 4 milioni entro il 2030, rispetto ai 2,5 milioni attuali.

La verità è che molti dei farmaci esistenti e che si mostrano promettenti come agenti anti-cancro hanno già perso i loro brevetti. “Una compagnia farmaceutica che investe soldi nel sostenere una sperimentazione clinica non ha nessuna garanzia per recuperare quei soldi, se la sperimentazione con questi farmaci ,che non hanno più un brevetto,dovesse avere successo qualche altro produttore potrebbe entrare e vendere lo stesso farmaco a un prezzo più basso”, dice Pantziarka. “E 'una questione di ritorno sull'investimento.” Quando sono stati fatti studi clinici su questi farmaci, in genere condotti da medici o piccoli gruppi di ricercatori. I risultati sono sembrati interessanti“

Questi farmaci per ironia della sorte, dato il loro basso costo potrebbero facilmente essere riconvertiti a scopo di migliorare le terapie oncologiche . Il costo medio di nuovi farmaci contro il cancro è aumentata da circa 70 sterline ( circa 79 euro)al mese nel 1990 a più di 7.000 sterline al mese oggi.

Il motivo dell'alto costo dei nuovi farmaci sperimentali è il numero di anni di sperimentazione per garantire che qualsiasi nuovo trattamento sia sicuro ed efficace. Ma in riferimento al gruppo dei farmaci sopra descritti e riconvertiti ad altro uso , molte di queste domande hanno già avuto una risposta. Infatti queste sostanze sono relativamente sicure, perché sono stati ampiamente utilizzate nel corso del tempo”, spiega Nicolas André. “Anche così, comunque abbiamo bisogno di allestire studi clinici per confermare la loro efficacia anticancro, al fine di ottenere quei fondi di cui abbiamo bisogno.”

In assenza di un supporto economico da parte delle aziende farmaceutiche, alcuni ricercatori stanno attivando modalità innovative per inserire questi farmaci in sperimentazioni cliniche a novembre alcuni medici del St George Hospital a Londra hanno iniziato una raccolta  di 50.000 sterline per sperimentare un farmaco contro la malaria, l'artesunato, su 150 pazienti affetti da tumore del colon. Nella parte iniziale di questo studio pilota, attivato su 20 pazienti, il tumore si è diffuso in sei degli 11 pazienti a cui era stato somministrato un placebo,  rispetto a soltanto 1 paziente su 9 a cui era stato dato il farmaco contro la malaria. In questa situazione il farmaco sembra essere efficace e il suo costo è di solo 70 pence al giorno, meno di un euro.

Nonostante i risultati promettenti di queste sostanze, servono anni prima di sapere con certezza se i farmaci funzionino contro il cancro, ed in caso affermativo, il modo migliore per usarli. Ma, purtroppo, il tempo è un lusso che molti malati di cancro non possono permettersi. Questo ha spinto alcuni tra medici e pazienti ad affrontare il problema in prima persona. Uno di loro è Ben Williams, uno psicologo sperimentale presso l'Università della California a San Diego, al quale fu diagnosticato un cancro al cervello estremamente aggressivo, chiamato glioblastoma, nel 1995, all'età di 50 anni . Dopo un intervento chirurgico e la radioterapia, le sue prospettive sembravano desolanti: l'aspettativa media di vita per i pazienti con glioblastoma è di soli 15 mesi, Williams poteva morire entro l'anno.

Con poco da perdere, il paziente iniziò la ricerca di altri farmaci che potevano integrare la chemioterapia, utilizzando il database della letteratura biomedica PubMed . Questo gli ha fornito i risultati di studi pubblicati sui trattamenti alternativi del  glioblastoma. Quando identificava un farmaco che sembrava efficace , contattava i ricercatori direttamente chiedendo ulteriori informazioni e consigli su come prenderlo. 

Di conseguenza, ha iniziato a prendere un cocktail di farmaci spesso prescritti per l'acne, l'insonnia e la pressione alta, oppure come il farmaco tamoxifene utilizzato per il cancro al seno, che alcuni studi avevano suggerito potesse essere utile a superare la resistenza alla chemioterapia. Il suo oncologo non si scompose ma era preoccupato che Williams, potesse danneggiare la sua salute anche se il paziente era consapevole dei rischi. Inoltre uno dei grandi vantaggi di utilizzare farmaci di questo tipo è che sono già disponibili un sacco di informazioni sulla tossicità, perché sono stati utilizzati per un lungo tempo per altre patologie.

Nel caso di Williams, il trattamento ha funzionato; contro ogni pronostico, infatti è tuttora vivo, anche se lui stesso ammette che potrebbe essere stato fortunato e fare solo parte della minoranza dei pazienti sensibile alla chemioterapia: “Non potrò mai sapere se una qualsiasi di queste cose che ho preso nel corso degli anni ha fatto una grande differenza.
Tuttavia, ci sono buone ragioni per cui i malati di cancro dovrebbero parlare con i loro medici, e non ricorrere alla automedicazione anche per la somministrazione di qualcosa di apparentemente innocuo come l'aspirina. “In primo luogo, non sappiamo se funziona, e in secondo luogo, anche se l'aspirina è un farmaco molto comune, ha effetti collaterali”, dice Langley. “C'è un piccolo rischio di sanguinamento dal vostro intestino, o più serio, anche nel vostro cervello. Abbiamo bisogno di fare studi appropriati e monitorare la sicurezza con molta attenzione.”

Lo stesso vale per gli altri farmaci comuni che possono o non possono avere effetti anti-cancro. “Anche se sono efficaci, sono farmaci che probabilmente è necessario prendere per lunghi periodi di tempo per vederne l'effetto - altrimenti gli effetti sarebbero stati riconosciuti prima”, Langley aggiunge.

Pantziarka, anche, consiglia ai pazienti di lavorare con i loro medici, piuttosto che sperimentare queste sostanze da soli - e certamente anche nel provare tali composti come alternativa ai trattamenti convenzionali. “Quando forniamo informazioni alle persone, li incoraggiamo a parlare con i loro medici; noi non li incoraggiamo ad andare avanti da soli senza una supervisione medica “.

Ma non tutti i medici sono aperti a nuovi approcci, come Pantziarka sa fin troppo bene quando apprese che suo figlio adolescente, George, aveva un cancro terminale nella mascella. Come Williams, iniziò la ricerca di studi pubblicati sul tumore di suo figlio su PubMed e poi contattando direttamente i medici che li avevano effettuati. Alcune terapie sperimentali includevano l’utilizzo di  un farmaco per il diabete chiamato pioglitazone, e un altro antidolorifico antinfiammatorio chiamato celecoxib, in combinazione con continue basse dosi di chemioterapia.

“Il medico di mio figlio non fu concorde ”, dice Pantziarka. 'Non avevano alcuna esperienza di questi farmaci', e il fatto che milioni di persone prendessero il pioglitazone per il diabete non ebbe alcuna influenza.” Alla fine, l'oncologo suggerì una diversa combinazione di farmaci, sulla base di un protocollo che il suo ospedale aveva usato in precedenza. La terapia fu inefficace, e suo figlio morì nel mese di aprile 2011, a 17 anni.

I medici sono comprensibilmente prudenti circa la prescrizione di farmaci off label ; i loro colleghi possono discordare oltre ai aproblemi legali legati a tale somministrazione . Ma Dalgleish è uno di quelli disposto a prendere questi rischi portando avanti la ricerca su queste sostanze.

Il governo inglese ultimamente ha anche accettato di raccogliere informazioni circa l'uso off-label dei farmaci inclusi nel British National Formulary - prontuario farmaceutico utilizzato dai Medici - e di sviluppare un piano d'azione per rendere più facile ottenere nuove licenze per i farmaci quando si sono dimostrati efficaci in altri ambiti.

Quando e se questi farmaci funzionano, la maggior parte degli esperti concordano sul fatto che risultino più efficaci in combinazione con altri farmaci, piuttosto che da soli. “Io non credo in pozioni magiche; ma più al loro uso in combinazione e più facilmente rispetto a quando si utilizzano solo i farmaci standard “, dice Nicolas André.

Il principale problema di una neoplasia è la sua particolare crescita e la maggior parte dei nuovi farmaci antitumorali sono diretti contro un singolo bersaglio molecolare. Dal punto di vista biologico il cancro è un sistema complesso,che si adatta ed evolve creando resistenza agli agenti mirati ”, dice Pantziarka. Un vantaggio di questi farmaci, qui riproposti è che spesso colpiscono bersagli multipli. Per esempio diclofenac: si è spesso visto come un farmaco relativamente dannoso perché oltre mitigare il dolore e l'infiammazione, può irritare lo stomaco ed aumentare il rischio di attacchi di cuore e ictus. Tuttavia, può anche inibire la crescita dei vasi sanguigni, modulare il sistema immunitario, e rendere il nostro organismo più sensibile agli effetti della radioterapia e chemioterapia.

Non è un caso che negli ultimi anni in particolare si è osservata una crescita continua di studi riguardanti l’interazione tra patrimonio genetico ed ambiente ed in particolare in campo medico ed oncologico sono molti i filoni di ricerca che riguardano l’importanza della dieta sulla prevenzione dei tumori, sulla possibilità di utilizzare nuovi farmaci dotati di meccanismi antitumorali inediti o nuove modalità di somministrazione delle sostanze che spesso rimettono in discussione le precedenti conoscenze sull’evolversi di una neoplasia.

Nei prossimi articoli affronteremo alcune di queste problematiche a scopo di informare sia medici che pazienti di questi nuovi settori di ricerca.

Nella bibliografia a questo articolo diviso in due parti vi rimandiamo ad alcune pubblicazioni o video che raccontano in particolare le ricerche più interessanti in questo ambito

Bibliografia

 

● http://www.redo-project.org/drug-candidates/

Il progetto ReDo individua una collaborazione internazionale attivata da diversi gruppi di ricercatori, clinici e pazienti riuniti sotto una organizzazione non profit.

Lo scopo è la ricerca nuovi ed efficaci forme di trattamenti di bassa tossicità che soddisfino le esigenze dei pazienti in tempi relativamente veloci a costi accessibili nei paesi sviluppati ed in quelli in via di sviluppo.

●     http://www.anticancerfund.org/pan-pantziarka

Il dottor Pantziarka, lavora a Londra ed è il responsabile scientifico del Anticancer Fund (ACF) ed collabora con il Repurposing Drugs in Oncology all’ interno della organizzazione non profit Global Cures.L’obiettivo del progetto è di valutare l’efficacia di farmaci non oncologici come nuova modalità di trattamento in oncologia.

●     www.virtualtrials.com

In questo sito troverete la storia clinica del Dott Ben Williams che è sopravvissuto alla diagnosi di glioblastoma nel 1995. La sua esperienza è utile per capire alcune modalità di trattamento emerse in questi ultimi 20 anni e descritte nei due precedenti riferimenti bibliografici.

●     Www.ted.org

Ted Talks:Mina Bissell: Esperimenti che mirano a una nuova interpretazione del cancro. In questo video si può apprezzare una nuova visione del cancro che è alla base di alcune delle nuove modalità terapeutiche. Il video è in inglese ma esiste anche la versione italiana sottotitolata.

Ted Talks:William Li Can we eat to starve cancer? Altro video di Ted che parla della terapia antiangiogenica che negli ultimi decenni ha modificato profondamente le terapie in oncologia. Anche in questo caso esiste la versione italiana sottotitolata.

●     Il dottor Andre citato in questo articolo ha pubblicato nel 2014 una review sulla terapia Metronomica qui riportato in inglese.

Metronomics as maintenance treatment in oncology: time for chemo-switch

http://journal.frontiersin.org/article/10.3389/fonc.2014.00076/full

●     Ruta Langley è un oncologo medico esperta nell uso dell’ aspirina come. terapia complementare nei pazienti con tumore

www.theguardian.com/science/2015/oct/22/nhs-fund-largest-study-aspirin-cancer

 

www.theguardian.com/science/2016/jun/12/anti-cancer-drugs-medicine-cabinet-repurposed-aspirin-thalidomide-beta-blockers